CISTI CUTANEE EPIDERMOIDI

Le cisti cutanee epidermoidi rappresentano le cisti cutanee più comuni. 

Cosa sono le cisti epidermoidi?

Le cisti epidermoidi sono piccole protuberanze non cancerose sotto la pelle.

Le cisti epidermoidi sono state denominate con vari termini, comprese le cisti follicolari infundibolari, le cisti epidermiche e le cisti di inclusione epidermiche. 

Il termine ciste epidermica di inclusione si riferisce specificatamente a una cisti epidermoide che è il risultato dell’impianto di elementi epidermici nel derma. 

Poiché la maggior parte delle lesioni ha origine dall’infundibolo follicolare, è preferito il termine più generale di cisti epidermoide. 

Il termine cisti sebacea dovrebbe essere evitato perché implica che la cisti sia di origine sebacea. 

Infine, il termine milia si riferisce a cisti epidermoidi molto piccole e superficiali.

Dove si localizzano?

Possono verificarsi in qualsiasi parte del corpo, ma si verificano (in ordine decrescente di frequenza) sul viso, sul tronco, sul collo, sulle estremità e sul cuoio capelluto. 

Sono stati segnalati rari casi di cisti epidermoidi che si verificano nelle ossa, nella mammella e in varie sedi intracraniche. 

Possono essere interessate anche le mucose oculari e orali e sono state riportate cisti sulla congiuntiva palpebrale, sulle labbra, sulla mucosa buccale, sulla lingua e sull’ugola.

Perché si formano?

È probabile che le cisti epidermoidi si formino con diversi meccanismi. 

Possono derivare dal sequestro di resti epidermici durante la vita embrionale, dall’occlusione dell’unità pilosebacea o dall’impianto traumatico o chirurgico di elementi epiteliali. 

La superficie della pelle (epidermide) è costituita da un sottile strato protettivo di cellule che il nostro corpo perde continuamente.

La fonte di questa epidermide è quasi sempre l’infundibolo del follicolo pilifero.

Le cisti epidermoidi congenite della fontanella anteriore o quelle in sede orogenitale presumibilmente derivano dal sequestro o dall’intrappolamento di resti epidermici lungo i piani di fusione embrionale durante lo sviluppo. 

Lesioni labiali e linguali possono essere correlate alla fusione aberrante degli archi branchiali, mentre le lesioni genitali possono derivare da una chiusura impropria delle pieghe genitali.

A volte le cisti si formano a causa di irritazioni o lesioni della pelle o della porzione più superficiale di un follicolo pilifero.

Qualsiasi procedura chirurgica può teoricamente provocare cisti epidermoidi. I rapporti descrivono la formazione di cisti epidermoidi multiple dopo rinoplastica, aumento del seno e liposuzione.

L’uso di innesti dermici, innesti miocutanei e biopsie con ago è stato anche associato alla formazione di cisti epidermoidi.

Le cisti con distribuzione acneiforme sono probabilmente il risultato di un’occlusione follicolare. 

Le cellule epidermiche formano le pareti della cisti e poi secernono la proteina cheratina all’interno. La cheratina è la sostanza densa e gialla che a volte fuoriesce dalla cisti. Questa crescita anormale delle cellule può essere dovuta a un follicolo pilifero danneggiato o a una ghiandola sebacea nella pelle.

Molte persone si riferiscono alle cisti epidermoidi come cisti sebacee, ma sono diverse.

Le vere cisti sebacee sono meno comuni. Derivano dalle ghiandole che secernono materia oleosa che lubrifica i capelli e la pelle (ghiandole sebacee).

L’infiammazione della cisti è mediata in parte dal materiale corneo contenuto nelle cisti epidermoidi. Gli estratti di questo materiale hanno dimostrato di essere chemiotattici per i polimorfonucleociti.

Eziopatogenesi

Numerosi studi hanno evidenziato che il papillomavirus umano (HPV) e l’esposizione alla luce ultravioletta (UV) possono svolgere un ruolo nella formazione di alcune cisti epidermoidi, in particolare cisti verrucose con ipergranulosi.

Nelle persone anziane, il danno solare accumulato può danneggiare l’unità pilosebacea, causando anomalie come ostruzione comedone e ipercornificazione, che possono entrambe sfociare nella formazione di cisti. Questa condizione è indicata come sindrome di Favre-Racouchot.

Alcune sindromi ereditarie sono associate a cisti epidermoidi. Tali sindromi includono la sindrome di Gardner , la sindrome del nevo delle cellule basali e la pachionichia congenita . 

Inoltre, la calcinosi scrotale idiopatica può effettivamente rappresentare uno stadio terminale della calcificazione distrofica delle cisti epidermoidi.

Quali sono i fattori di rischio?

Chiunque può sviluppare una o più cisti epidermoidi, ma questi fattori sono quelli che rendono più suscettibile alla formazione delle cisti:

  • Età oltre la pubertà. Le cisti epidermoidi possono verificarsi a qualsiasi età; tuttavia, insorgono più comunemente nella terza e nella quarta decade di vita. Piccole cisti epidermoidi note come milia sono comuni nel periodo neonatale.
  • Alcune malattie genetiche rare (sindrome di Gardner , la sindrome del nevo delle cellule basali e la pachionichia congenita)
  • Ferite della pelle.
  • Sesso. Le cisti epidermoidi sono circa due volte più comuni negli uomini rispetto alle donne.

Quali sono le predilezioni razziali delle cisti epidermiche?

Non è stata individuata alcuna predilezione razziale. La pigmentazione delle cisti epidermoidi è comune negli individui con pelle scura. 

Quali sono i segni e sintomi con cui si presentano le cisti epidermiche?

Le cisti epidermoidi sono generalmente asintomatiche. 

I segni e i sintomi della cisti epidermoide includono:

  • Una piccola protuberanza rotonda sotto la pelle, di solito sul viso, sul collo o sul tronco;
  • Un minuscolo punto nero che ostruisce l’apertura centrale della cisti;
  • Fuoriuscita di un materiale giallo e maleodorante dalla cisti “simile alla ricotta”;
  • Arrossamento, gonfiore e dolorabilità locale, se la cisti è infiammata o infetta;
  • Crescita rapida, friabilità e sanguinamento (segni di probabile malignità;

Come si pone la diagnosi?

La diagnosi è basata nell’anamnesi ed esame obiettivo.

Il medico può fare delle domande come:

  • Quando hai notato questa crescita nella pelle?
  • Hai notato altre escrescenze della pelle?
  • Hai avuto crescite simili in passato? Se sì, su quali parti del tuo corpo?
  • Hai avuto un’acne grave?
  • La crescita provoca disagio?
  • Hai avuto lesioni cutanee recenti, inclusi piccoli graffi?
  • Hai subito di recente un intervento chirurgico nella zona interessata?
  • Qualcuno nella tua famiglia ha una storia di acne o cisti multiple?

Il medico può anche raschiare le cellule della pelle ed esaminarle al microscopio o prelevare un campione di pelle (biopsia) per un’analisi dettagliata in laboratorio.

Le cisti epidermoidi sembrano cisti sebacee, ma sono diverse. Le vere cisti epidermoidi derivano da danni ai follicoli piliferi o allo strato esterno della pelle (epidermide).

Quali sono le differenze tra cisti sebacea e cisti dermoide?

CaratteristicheCisti sebacea/cisti epidermoideCisti dermoide
1CausaA causa dell’ostruzione del dotto della ghiandola sebaceaCongenito: sequestro dell’epitelio
2LuogoSede del pelo sul corpo: schiena, viso, collo, cuoio capelluto, scrotoSulla falsariga della fusione cutanea embriologica. Dermoidi angolari esterni ed interni, sublinguali (superficiali/profondi), retroauricolari, pre e postsacrali
3Coinvolgimento della pellePresenteNon coinvolto
4PunctumPresenteAssente
5LineaCellule sebacee/epitelio squamosoPelle con appendice, cioè ghiandole sebacee, follicoli piliferi e capelli – (epitelio squamoso stratificato cheratinizzato)
6ContenutoMateriale simile al dentifricio, biancastro e maleodoranteCapelli e materiale sebaceo
7Comunicazione intracranialeNoLa comunicazione può essere presente
8Difetto osseoNoIl difetto può essere presente
9Palme delle mani e piante dei piediNessun follicolo pilifero e non si verificanoSi verificano, ad es. dermoide da impianto

Qual è l’aspetto delle cisti epidermiche all’esame obiettivo?

Le cisti epidermoidi appaiono come noduli rotondi di dimensioni variabili da color carne a giallastri, duri, rotondi. 

Può essere presente un poro centrale o un punto. 

Se la cisti è infiammata o all’ispezione si notano segni di infiammazione (eritema, gonfiore o fuoriuscita di materiale giallo se la cisti è rotta).

Sono necessari esami di laboratorio?

In genere, gli esami di laboratorio non sono necessari.

Tuttavia, nel caso di infezioni ricorrenti o mancanza di risposta agli antibiotici, è possibile ottenere una coltura delle secrezioni con antibiogramma.

Sono necessari gli esami radiologici?

Se si sospetta una cisti epidermoide in una posizione insolita, come mammella, osso o sedi intracraniche, è appropriato l’esame con ecografia, radiografia, TAC o risonanza magnetica.

Radiografia è necessaria soprattutto se la cisti è situata nel cuoio capelluto (per escludere un difetto osseo che si vedrà nella cisti dermoide o per escludere la distruzione ossea osservata nelle metastasi).

È necessario eseguire agoaspirato?

L’aspirazione con ago sottile è stata utilizzata per diagnosticare le cisti epidermoidi in posizioni insolite, come il seno. 

Striscio di materiale aspirato colorato con la colorazione di Wright-Giemsa mostrano cheratinociti nucleati e materiale ondulato di cheratina.

Con quale malattie si pone la diagnosi differenziale?

La diagnosi differenziale deve essere fatta con:

• Calcinosi cutanea

• Cisti branchiale, dermoide, trichilemmale (pilare)

• Lipomi cutanei

• Manifestazioni dermatologiche della sindrome di Gardner

• Milia

• Pachionichia congenita

• Steatocistoma multiplex

Quali possono essere le complicanze?

Le potenziali complicanze delle cisti epidermoidi includono:

Infiammazione. Una cisti epidermoide può diventare dura e gonfia, anche se non è infetta. Una cisti infiammata è difficile da rimuovere. È probabile che il medico rimandi la rimozione fino alla scomparsa dell’infiammazione.

Rottura. Una cisti spesso si può rompere e da essa fuoriesce il materiale che spesso è infetto.

Infezione. Le cisti possono diventare infette e dolorose (ascessi).

citi epidermoide infetta

Cancro della pelle. Le cisti epidermoidi sono lesioni benigne; tuttavia, sono stati segnalati casi molto rari di vari tumori maligni associati tra cui carcinoma basocellulare , malattia di Bowen , carcinoma a cellule squamose (il più comune di queste rarità), micosi fungoide e melanoma in situ.

In una serie di cisti epidermoidi con carcinoma, i risultati immunoistochimici per l’HPV erano negativi, suggerendo che è improbabile che l’HPV svolga un ruolo nello sviluppo del carcinoma a cellule squamose (SCC) nelle cisti epidermoidi. 

È stato suggerito che l’irritazione cronica o il trauma ripetitivo al rivestimento epiteliale della cisti svolgano un ruolo nella trasformazione maligna; tuttavia, questa relazione non è stata stabilita.

Cicatrici dovute alla rimozione e recidiva.

Quando consultare il medico?

Consulta il tuo medico se ne hai uno o più di questi segni:

-la neoformazione cresce rapidamente;

-la cisti si rompe o diventa dolorosa o infetta;

-fastidio per ragioni estetiche

-posizione insolita, come ad esempio nelle dita dei piedi;

Qual è il trattamento delle cisti epidermoidi?

Le cisti epidermoidi sono a crescita lenta e spesso indolore, quindi raramente causano problemi o necessitano di cure.

Potresti scegliere di farti rimuovere una ciste da un medico se il suo aspetto ti infastidisce o se è dolorosa, rotta o infetta.

Le opzioni del trattamento includono:

Iniezione di triamcinolone. L’iniezione di triamcinolone nel tessuto che circonda la cisti infiammata determina un miglioramento più rapido dei sintomi. Ciò può facilitare l’eliminazione dell’infezione ma tuttavia questo trattamento non sradica la cisti. Il triamcinolone riduce l’infiammazione sopprimendo la migrazione dei leucociti polimorfonucleari e invertendo la permeabilità capillare. Le iniezioni intralesionali possono essere utilizzate per i disturbi cutanei localizzati.

Antibioticoterapia. Occasionalmente possono essere indicati antibiotici per via orale eseguiti da asportazione in elezione. Inizialmente possono essere indicati creme o unguenti a base di antibiotico.

Incisione e drenaggio. L’incisione e il drenaggio possono essere eseguiti se una cisti è infiammata. Con questo metodo, il medico esegue un piccolo taglio nella cisti e ne estrae delicatamente il contenuto. Questo è un metodo abbastanza semplice e veloce ma le cisti spesso si ripresentano dopo questo trattamento e richiederanno l’escissione chirurgica in seguito.

Chirurgia. Le cisti epidermoidi possono essere rimosse tramite semplice escissione o incisione con rimozione della cisti e della parete della cisti attraverso il difetto chirurgico. 

Si consiglia un’incisione ellittica che circonderà il punctum, in modo che l’area della pelle portante il punto viene rimosso, insieme alla cisti.

La lesione può presentarsi se l’intera parete della cisti non viene rimossa.

Quali sono i reperti dell’esame istologico?

Le cisti epidermoidi sono rivestite da epitelio squamoso stratificato che contiene uno strato granulare. 

All’interno della cisti si nota contenuto di cheratina laminata. 

Una risposta infiammatoria può essere presente nelle cisti che si sono rotte. 

Le cisti più vecchie possono presentare calcificazione. 

Si può notare una differenziazione pilomatica specialmente nei pazienti con sindrome di Gardner.

Stile di vita e rimedi casalinghi

La formazione di cisti epidermoidi non si può impedire ma puo aiutare a prevenire cicatrici e infezioni:

  • Non spremere o “scoppiare” la tua cisti da soli;
  • Posizionando un panno caldo e umido sull’area per aiutare la cisti a drenare e guarire;
  • Effettuare disinfezione della cute con soluzioni, es di Iodopovidone;
  • Applicazione di creme o unguenti omeopatici;
  • rivolgiti al medico per qualsiasi consiglio, non tentare rimedi fai da te!

Titolo
17 idrossicorticosteroidi urinari
ACANTHOSIS NIGRICANS
ACANTOCITOSI-cause
ACIDO FOLICO
Acido idrossindolacetico urinario (5-HIA)
ACIDO URICO SIERICO
ACIDO URICO URINARIO
ACIDO VANILMANDELICO URINARIO
ACINESIA
ACLORIDRIA
ACTH plasmatico
ADENOMA TOSSICO DELLA TIROIDE
AGEUSIA-cause
ALBUMINA PLASMATICA
ALDOLASI
ALDOSTERONE PLASMATICO
AMILASI PANCREATICA
AMILASI SIERICA
AMILASI URINARIA
AMMONIO NEL SIERO
ANAMNESI PATOLOGICA REMOTA-dati da raccogliere
ANAMNESI-dati da raccogliere nell’anagrafe
ANESTESIA LOCALE PER ERNIA INGUINALE
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE-prognosi
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-definizione
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-diagnosi differenziale
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-epidemiologia
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-esami di imaging
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-eziologia
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-fattori di rischio per la rottura
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-fattori di rischio per lo sviluppo dell’aneurisma
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-lo screening e monitoraggio
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-misure terapeutiche non farmacologiche
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-parametri da monitorare in un paziente con AAA in stato cronico
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-pazienti più a rischio di complicanze
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-quando e come trattare un aneurisma dell’aorta addominale in stato cronico
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-ruolo dei beta-bloccanti
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-sintomi e segni clinici 
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-test laboratorici
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-trattamento dello stato acuto
ANGINA DI LUDWIGS
ANGIOGRAFIA
Angiotensin-Converting-Enzyme (ACE)
ANGOLO STERNALE DI LOUIS
ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI
ANTICORPI ANTINUCLEO (ANA)
ANTIGENE PROSTATICO SPECIFICO (PSA)
Antineutrophil Cytoplasmatic Antibodies (ANCA)
ANTITROMBINA III
APOLIPOPROTEINE A e B sieriche
APPENDICE VERMIFORME
APPENDICECTOMIA-complicanze postoperatorie
APPENDICITE ACUTA NEGLI ANZIANI
APPENDICITE ACUTA NEI BAMBINI
APPENDICITE ACUTA NELLE DONNE IN GRAVIDANZA
APPENDICITE ACUTA-anatomia patologica
APPENDICITE ACUTA-complicanze
APPENDICITE ACUTA-dati laboratorici
APPENDICITE ACUTA-diagnosi
APPENDICITE ACUTA-diagnosi
APPENDICITE ACUTA-diagnosi differenziale
APPENDICITE ACUTA-drenaggio percutaneo ecoguidato
APPENDICITE ACUTA-esami di imaging
APPENDICITE ACUTA-patogenesi
APPENDICITE ACUTA-sintomi e segni clinici
APPENDICITE ACUTA-terapia antibiotica pre e post-operatoria
APPENDICITE ACUTA-trattamento chirurgico
APPENDICITE ACUTA-trattamento non operatorio
APTOGLOBINA
APTT (tempo di tromboplastina parziale attivata)
ASCESSO PERIANALE
ATELETTASIA POLMONARE
AZOTO SIERICO
BETA HCG PLASMATICO (β-hCG)
BEZOAR POST-GASTRECTOMIA
BICARBONATI PLASMATICI
Bilirubina totale e frazionata
BUDDING TUMORALE
CA 125 (cancro antigene 125)
CA 15-3 (cancro antigene 15-3)
CA 19-9 (gastrointestinal cancer associated antigen)
CALCEMIA (calcio sierico)
CALCIO URINARIO
CALCITONINA PLASMATICA
CALCOLI BILIARI-Da che cosa sono composti i calcoli biliari?
CALCOLI BILIARI-Perché si formano i calcoli biliari?
CALCOLI BILIARI-Quali sono i fattori di rischio per la formazione di calcoli biliari?
CALCOLI BILIARI-Quali sono i sintomi della calcolosi biliare?
CALCOLI BILIARI-Quanto è frequente la calcolosi biliare?
CALCOLI NEL CORPO UMANO
CALPROTECTINA FECALE
CAMBIAMENTI DEL PESO-domande da fare al paziente
CAMBIAMENTI DELL’ ALVO-domande da fare al paziente
CANCRO DEL COLON-differenza tra cancro del colon sinistro e destro
CARCINOMA SPINOCELLULARE
CATECOLAMINE PLASMATICHE
CATECOLAMINE URINARIE
CEA (antigene carcino-embrionario)
CERULOPLASMINA
CISTI CUTANEE EPIDERMOIDI
CLEARANCE DELLA CREATININA
CLORO NEL SIERO (cloremia)
CLORURI URINARI
COLECISTI (cistifellea)
COLESTEROLO
COLICA BILIARE-trattamento
Complemento totale e frazionato
COPROCOLTURA IN PRONTO SOCCORSO
CORTISOLO SIERICO
CREATINCHINASI TOTALE SIERICA
CREATINCHINASI-MB SIERICA(CK-MB)
CREATININA
CREATININA URINARIA
CRIOGLOBULINE
CROMO SIERICO
CROSS-LINK URINARI
Crush syndrome (sindrome da schiacciamento)
Dieta dopo la colecistectomia
DIETA DOPO RESEZIONE GASTRICA
DIETA IPOLIPIDICA
DIETA NEL SINDROME DELL’INTESTINO IRRITABILE
DIETA NELL’EPATITE ACUTA
DIETA NELL’EPATITE CRONICA
DIETA NELL’ULCERA GASTRODUODENALE
DIETA NELLA CIRROSI EPATICA
DIETA NELLA LITIASI BILIARE
DIETA NELLA MALATTIA CELIACA
DIETA NELLA MALATTIA DA REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO
DIETA NELLA MALATTIA DI CROHN
DIETA NELLA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON
DIETA NELLA PANCREATITE ACUTA
DIETA NELLA PANCREATITE CRONICA
DIETA NELLA RETTOCOLITE ULCEROSA
DIETA NELLA SUBOCCLUSIONE INTESTINALE
DIETA PER PAZIENTE STOMIZZATO
DIETA PER PAZIENTI OPERATI AL COLON
DIETA SEMILIQUIDA
Differenza tra atelettasia polmonare e pneumotorace
Differenza tra la sindrome di Boerhaave e sindrome di Mallory-Weiss
DILATAZIONE GASTRICA ACUTA
DISTENSIONE ADDOMINALE-cause
DOLORE ADDOMINALE ACUTO-gravi cause mediche
DOLORE ADDOMINALE E SHOCK
DOLORE ADDOMINALE NON SPECIFICO (NSAP)
DOLORE ADDOMINALE-domande da fare al paziente
DOLORE ADDOMINALE-segni di allarme
DOLORE AL FIANCO DESTRO-cause
DOLORE AL FIANCO SINISTRO-cause
DOLORE EPIGASTRICO-cause
DOLORE INGUINALE POST-OPERATORIO CRONICO
DOLORE NEL QUADRANTE INFERIORE DESTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE INFERIORE SINISTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE SUPERIORE DESTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE SUPERIORE SINISTRO-cause
DOLORE PELVICO ACUTO-indagini di approfondimento
DOLORE PELVICO ACUTO-segni di allarme
DOLORE PERIOMBELICALE-cause
DOLORE SOPRAPUBICO-cause
ECCESO BASE (BE)
Eco-FAST
ECOGRAFIA TIROIDEA
EMANGIOMA EPATICO
EMATURIA DI MEDIA ENTITA’-cause
EMATURIA INIZIALE-cause
EMATURIA MASSIVA-cause
EMATURIA MICROSCOPICA-cause
EMATURIA TERMINALE-cause
EMATURIA TOTALE-cause
EMATURIA-definizione
EMATURIA-elementi anamnestici da raccogliere
EMATURIA-promemoria delle cause
EMOLISI EXTRAVASCOLARE
EMOPERITONEO
EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI
EMORRAGIE GASTRO-INTESTINALI
EMORROIDI- esame obiettivo
EMORROIDI- eziologia delle emorroidi
Emorroidi-classificazione
EMORROIDI-clinica
Emorroidi-criticità della classificazione di Goligher per le emorroidi
EMORROIDI-epidemiologia
EMORROIDI-fisiopatologia
EMORROIDI-indagini diagnostiche
EMORROIDI-terapia medica
ENCEFALOPATIA-sintomi e segni clinici
ENTERITE ATTINICA
ENZIMA DI CONVERSIONE DELL’ANGIOTENSINA AUMENTATA-cause
ERISIPELA
ERNIA INGUINALE
ERNIE DELLA PARETE ADDOMINALE
ESAME OBIETTIVO DEI LINFONODI
ESAME OBIETTIVO DEL COLLO E DELLA TIROIDE
ESAME OBIETTIVO DEL CUORE E VASI
ESAME OBIETTIVO DEL TORACE, POLMONI E MAMMELLE
ESAME OBIETTIVO DELL’ADDOME
ESAME OBIETTIVO DELLA BOCCA,DENTI E FARINGE
ESAME OBIETTIVO DELLA COLONNA VERTEBRALE
ESAME OBIETTIVO DELLA CUTE E SOTTOCUTE
ESAME OBIETTIVO DELLA POSTURA
ESAME OBIETTIVO DELLA TESTA
ESAME OBIETTIVO GENERALE
ESAME OBIETTIVO UROGENITALE (nel maschio)
ESAME OBIETTIVO-definizione
ESPLORAZIONE DIGITO-RETTALE NEL MASCHIO
ESPLORAZIONE DIGITO-RETTALE NELLA FEMMINA
Febbre associata a diarrea-cause
Febbre associata a linfadenite-cause
Febbre associata a meningismo-cause
Febbre associata a sintomi di angina catarrale-cause
Febbre associata a splenomegalia-cause
Febbre associata ad artralgia e mialgia-cause
Febbre associata ad eruzioni cutanee-cause
Febbre associata ad ittero-cause
FEBBRE BIFASICA-cause
Febbre con eziologia non chiara-cause
FEBBRE CONTINUA-cause
FEBBRE INTERMITTENTE-cause
FEBBRE PERIODICA-cause
FEBBRE POST-OPERATORIO-cause possibili
FEBBRE REMITTENTE-cause
FEBBRE RICORRENTE-cause
FEBBRICOLA (< 38.5°C)-cause
FERITA CHIRURGICA-caratteristiche della guarigione per “prima intenzione”
FERITA CHIRURGICA-caratteristiche della guarigione per “seconda intenzione”
FERITA CHIRURGICA-caratteristiche della guarigione per “terza intenzione”
FERITA-definizione
FERITE ADDOMINALI DA ARMA BIANCA
FERITE ADDOMINALI DA ARMA DA FUOCO
FIBROSI CISTICA
FOSFATASI ACIDA AUMENTATA-cause
Gamma-Glutamil-Transpeptidasi (GGT)
GASTRITE DA REFLUSSO BILIARE
GASTROPATIA DA IPERTENSIONE PORTALE-classificazione
GESTIONE DELLA FERITA CHIRURGICA
GINECOMASTIA
Gli errori più comuni nella terapia antibiotica
GLICOSURIA (presenza di glucosio nelle urine)
GONFIORE O FASTIDIO ALL’INGUINE-diagnosi differenziale
GOZZO
HDL (High Density Lipoproteins)
IDROCELE
LESIONI TRAUMATICHE DELLA MILZA-classificazione delle lesioni spleniche (IOS/ASST)
LESIONI TRAUMATICHE DELLA MILZA-trattamento
MALASSORBIMENTO POST-GASTRECTOMIA
MEZZO DI CONTRASTO
MILZA ACCESSORIA
MIXEDEMA PRETIBIALE
NEOPLASIA DELL’INTESTINO TENUE
NEOSTIGMINA
OCCLUSIONE COLICA DA ENDOMETRIOSI
OSMOLARITÀ PLASMATICA
OSSITOCINASI SIERICA
PARATORMONE SIERICO (PTH)
pCO2 nel sangue
PERITONITE -fisiopatologia
PERITONITE-definizione e tipi
PERITONITE-epidemiologia
PERITONITE-terapia
pH del sangue
PIASTRINE (trombociti)
PLASMINOGENO
RAGADE ANALE-trattamento conservativo
SINDROME CEREBELLARE ACUTA-segni clinici
SINDROME DA CARCINOIDE
SINDROME DA RIVASCOLARIZZAZIONE (sindrome di Letac)
SINDROME DEL COMPASSO AORTO-MESENTERICO
SINDROME DEL LOBO MEDIO
SINDROME DELL’ANSA AFFERENTE
SINDROME DELL’ANSA CIECA
SINDROME DELL’ANSA ESCLUSA (Small Intestinal Bacterial Overgrowth)
Sindrome di Barsony-Teschendorf
SINDROME DI BOERHAAVE
SINDROME DI LERICHE
SINDROME DI LYNCH
SINDROME DI OLGIVIE (PSEUDO-OSTRUZIONE DEL COLON)
SINDROME NEFROSICA-complicanze
SINDROME POST-COLECISTECTOMIA
SINDROMI POST GASTRECTOMIA
SINTOMI CARDIOVASCOLARI
SINTOMI GASTROINTESTINALI
SINTOMI LEGATI A PROBLEMI LOCALIZZATI AL COLLO
SINTOMI LEGATI AI PROBLEMI DEL NASO
SINTOMI LEGATI AI PROBLEMI DELL’ORECCHIO
SINTOMI LEGATI AI PROBLEMI DELLA BOCCA E DELLA GOLA
SINTOMI OCULARI
SINTOMI RESPIRATORI
SINTOMI URINARI
SINTOMI-cosa devi valutare in un sintomo?
SPLENOMEGALIA
STENOSI ISCHEMICHE DEL COLON
TERAPIA ANTIBIOTICA-Best practice per la prescrizione di antimicrobici
THYROXINE BINDING GLOBULIN
TIREOPATIE E FARMACI
Tomografia computerizzata nel trauma addominale
TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA-indicazioni all’uso del mezzo di contrasto
TRAUMA-risposta endocrinometabolica ed immunologica ai traumi (REMIT)
TUMORI CHE METASTATIZZANO NEI LINFONODI INGUINALI
TUMORI-classificazioni dei tumori basati su nominativi degli autori
ULCERA RECIDIVA POST-GASTRECTOMIA
ULCERA SOLITARIA DEL RETTO-tutto da sapere
UNITÀ PRINCIPALI DI MISURA
VALUTAZIONE CLINICA DEL PAZIENTE
VITAMINA C
VOLVOLO DELLO STOMACO

Titolo
ACANTHOSIS NIGRICANS
ACANTOCITOSI-cause
ACIDO FOLICO
Acido idrossindolacetico urinario (5-HIA)
ACIDO URICO SIERICO
ACIDO URICO URINARIO
ACIDO VANILMANDELICO URINARIO
ACINESIA
ACLORIDRIA
ACTH plasmatico
ADENOMA TOSSICO DELLA TIROIDE
AGEUSIA-cause
ALBUMINA PLASMATICA
ALDOLASI
ALDOSTERONE PLASMATICO
AMILASI PANCREATICA
AMILASI SIERICA
AMILASI URINARIA
AMMONIO NEL SIERO
ANAMNESI PATOLOGICA REMOTA-dati da raccogliere
ANAMNESI-dati da raccogliere nell’anagrafe
ANESTESIA LOCALE PER ERNIA INGUINALE
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE-prognosi
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-definizione
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-diagnosi differenziale
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-epidemiologia
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-esami di imaging
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-eziologia
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-fattori di rischio per la rottura
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-fattori di rischio per lo sviluppo dell’aneurisma
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-lo screening e monitoraggio
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-misure terapeutiche non farmacologiche
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-parametri da monitorare in un paziente con AAA in stato cronico
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-pazienti più a rischio di complicanze
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-quando e come trattare un aneurisma dell’aorta addominale in stato cronico
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-ruolo dei beta-bloccanti
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-sintomi e segni clinici 
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-test laboratorici
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-trattamento dello stato acuto
ANGINA DI LUDWIGS
ANGIOGRAFIA
Angiotensin-Converting-Enzyme (ACE)
ANGOLO STERNALE DI LOUIS
ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI
ANTICORPI ANTINUCLEO (ANA)
ANTIGENE PROSTATICO SPECIFICO (PSA)
Antineutrophil Cytoplasmatic Antibodies (ANCA)
ANTITROMBINA III
APOLIPOPROTEINE A e B sieriche
APPENDICE VERMIFORME
APPENDICECTOMIA-complicanze postoperatorie
APPENDICITE ACUTA NEGLI ANZIANI
APPENDICITE ACUTA NEI BAMBINI
APPENDICITE ACUTA NELLE DONNE IN GRAVIDANZA
APPENDICITE ACUTA-anatomia patologica
APPENDICITE ACUTA-complicanze
APPENDICITE ACUTA-dati laboratorici
APPENDICITE ACUTA-diagnosi
APPENDICITE ACUTA-diagnosi
APPENDICITE ACUTA-diagnosi differenziale
APPENDICITE ACUTA-drenaggio percutaneo ecoguidato
APPENDICITE ACUTA-esami di imaging
APPENDICITE ACUTA-patogenesi
APPENDICITE ACUTA-sintomi e segni clinici
APPENDICITE ACUTA-terapia antibiotica pre e post-operatoria
APPENDICITE ACUTA-trattamento chirurgico
APPENDICITE ACUTA-trattamento non operatorio
APTOGLOBINA
APTT (tempo di tromboplastina parziale attivata)
ASCESSO PERIANALE
ATELETTASIA POLMONARE
AZOTO SIERICO
CAMBIAMENTI DELL’ ALVO-domande da fare al paziente
DIETA NELL’EPATITE ACUTA
DIETA NELLA PANCREATITE ACUTA
Differenza tra atelettasia polmonare e pneumotorace
DISTENSIONE ADDOMINALE-cause
EMATURIA-elementi anamnestici da raccogliere
ENTERITE ATTINICA
ENZIMA DI CONVERSIONE DELL’ANGIOTENSINA AUMENTATA-cause
ERNIE DELLA PARETE ADDOMINALE
ESAME OBIETTIVO DELL’ADDOME
Febbre associata a sintomi di angina catarrale-cause
Febbre associata ad artralgia e mialgia-cause
FERITE ADDOMINALI DA ARMA BIANCA
FERITE ADDOMINALI DA ARMA DA FUOCO
FOSFATASI ACIDA AUMENTATA-cause
Gli errori più comuni nella terapia antibiotica
MILZA ACCESSORIA
SINDROME DELL’ANSA AFFERENTE
SINDROME DELL’ANSA CIECA
SINDROME DELL’ANSA ESCLUSA (Small Intestinal Bacterial Overgrowth)
TERAPIA ANTIBIOTICA-Best practice per la prescrizione di antimicrobici
TUMORI-classificazioni dei tumori basati su nominativi degli autori

 

Titolo
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-parametri da monitorare in un paziente con AAA in stato cronico
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-pazienti più a rischio di complicanze
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-quando e come trattare un aneurisma dell’aorta addominale in stato cronico
APPENDICECTOMIA-complicanze postoperatorie
APPENDICITE ACUTA-complicanze
APPENDICITE ACUTA-trattamento chirurgico
CA 125 (cancro antigene 125)
CA 15-3 (cancro antigene 15-3)
CA 19-9 (gastrointestinal cancer associated antigen)
CALCEMIA (calcio sierico)
CALCIO URINARIO
CALCITONINA PLASMATICA
CALCOLI BILIARI-Da che cosa sono composti i calcoli biliari?
CALCOLI BILIARI-Perché si formano i calcoli biliari?
CALCOLI BILIARI-Quali sono i fattori di rischio per la formazione di calcoli biliari?
CALCOLI BILIARI-Quali sono i sintomi della calcolosi biliare?
CALCOLI BILIARI-Quanto è frequente la calcolosi biliare?
CALCOLI NEL CORPO UMANO
CALPROTECTINA FECALE
CAMBIAMENTI DEL PESO-domande da fare al paziente
CAMBIAMENTI DELL’ ALVO-domande da fare al paziente
CANCRO DEL COLON-differenza tra cancro del colon sinistro e destro
CARCINOMA SPINOCELLULARE
CATECOLAMINE PLASMATICHE
CATECOLAMINE URINARIE
CEA (antigene carcino-embrionario)
CERULOPLASMINA
CISTI CUTANEE EPIDERMOIDI
CLEARANCE DELLA CREATININA
CLORO NEL SIERO (cloremia)
CLORURI URINARI
COLECISTI (cistifellea)
COLESTEROLO
COLICA BILIARE-trattamento
Complemento totale e frazionato
COPROCOLTURA IN PRONTO SOCCORSO
CORTISOLO SIERICO
CREATINCHINASI TOTALE SIERICA
CREATINCHINASI-MB SIERICA(CK-MB)
CREATININA
CREATININA URINARIA
CRIOGLOBULINE
CROMO SIERICO
CROSS-LINK URINARI
Crush syndrome (sindrome da schiacciamento)
DIETA NELL’EPATITE CRONICA
DIETA NELLA CIRROSI EPATICA
DIETA NELLA MALATTIA DI CROHN
DIETA NELLA PANCREATITE CRONICA
DIETA PER PAZIENTI OPERATI AL COLON
DOLORE ADDOMINALE ACUTO-gravi cause mediche
DOLORE AL FIANCO DESTRO-cause
DOLORE AL FIANCO SINISTRO-cause
DOLORE INGUINALE POST-OPERATORIO CRONICO
DOLORE NEL QUADRANTE INFERIORE DESTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE INFERIORE SINISTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE SUPERIORE DESTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE SUPERIORE SINISTRO-cause
DOLORE PERIOMBELICALE-cause
DOLORE SOPRAPUBICO-cause
EMATURIA-promemoria delle cause
Emorroidi-classificazione
EMORROIDI-clinica
ESAME OBIETTIVO DEL COLLO E DELLA TIROIDE
ESAME OBIETTIVO DEL CUORE E VASI
ESAME OBIETTIVO DELLA COLONNA VERTEBRALE
ESAME OBIETTIVO DELLA CUTE E SOTTOCUTE
Febbre associata a meningismo-cause
Febbre associata a sintomi di angina catarrale-cause
Febbre associata a splenomegalia-cause
Febbre associata ad artralgia e mialgia-cause
Febbre associata ad eruzioni cutanee-cause
Febbre associata ad ittero-cause
FEBBRE BIFASICA-cause
Febbre con eziologia non chiara-cause
FEBBRE CONTINUA-cause
FEBBRE INTERMITTENTE-cause
FEBBRE PERIODICA-cause
FEBBRE POST-OPERATORIO-cause possibili
FEBBRE REMITTENTE-cause
FEBBRE RICORRENTE-cause
OCCLUSIONE COLICA DA ENDOMETRIOSI
SINDROME CEREBELLARE ACUTA-segni clinici
SINDROME DA CARCINOIDE
SINDROME DEL COMPASSO AORTO-MESENTERICO
SINDROME POST-COLECISTECTOMIA
SINTOMI CARDIOVASCOLARI
SINTOMI LEGATI A PROBLEMI LOCALIZZATI AL COLLO
STENOSI ISCHEMICHE DEL COLON
TUMORI-classificazioni dei tumori basati su nominativi degli autori
VALUTAZIONE CLINICA DEL PAZIENTE
VITAMINA C

Titolo
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-diagnosi differenziale
APPENDICITE ACUTA-diagnosi
APPENDICITE ACUTA-diagnosi
APPENDICITE ACUTA-diagnosi differenziale
APPENDICITE ACUTA-drenaggio percutaneo ecoguidato
CANCRO DEL COLON-differenza tra cancro del colon sinistro e destro
Dieta dopo la colecistectomia
DIETA DOPO RESEZIONE GASTRICA
DIETA IPOLIPIDICA
DIETA NEL SINDROME DELL’INTESTINO IRRITABILE
DIETA NELL’EPATITE ACUTA
DIETA NELL’EPATITE CRONICA
DIETA NELL’ULCERA GASTRODUODENALE
DIETA NELLA CIRROSI EPATICA
DIETA NELLA LITIASI BILIARE
DIETA NELLA MALATTIA CELIACA
DIETA NELLA MALATTIA DA REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO
DIETA NELLA MALATTIA DI CROHN
DIETA NELLA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON
DIETA NELLA PANCREATITE ACUTA
DIETA NELLA PANCREATITE CRONICA
DIETA NELLA RETTOCOLITE ULCEROSA
DIETA NELLA SUBOCCLUSIONE INTESTINALE
DIETA PER PAZIENTE STOMIZZATO
DIETA PER PAZIENTI OPERATI AL COLON
DIETA SEMILIQUIDA
Differenza tra la sindrome di Boerhaave e sindrome di Mallory-Weiss
DILATAZIONE GASTRICA ACUTA
DISTENSIONE ADDOMINALE-cause
DOLORE ADDOMINALE ACUTO-gravi cause mediche
DOLORE ADDOMINALE E SHOCK
DOLORE ADDOMINALE NON SPECIFICO (NSAP)
DOLORE ADDOMINALE-domande da fare al paziente
DOLORE ADDOMINALE-segni di allarme
DOLORE AL FIANCO DESTRO-cause
DOLORE AL FIANCO SINISTRO-cause
DOLORE EPIGASTRICO-cause
DOLORE INGUINALE POST-OPERATORIO CRONICO
DOLORE NEL QUADRANTE INFERIORE DESTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE INFERIORE SINISTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE SUPERIORE DESTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE SUPERIORE SINISTRO-cause
DOLORE PELVICO ACUTO-indagini di approfondimento
DOLORE PELVICO ACUTO-segni di allarme
DOLORE PERIOMBELICALE-cause
DOLORE SOPRAPUBICO-cause
EMATURIA-definizione
EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI
EMORROIDI-indagini diagnostiche
ESAME OBIETTIVO DELLA BOCCA,DENTI E FARINGE
ESPLORAZIONE DIGITO-RETTALE NEL MASCHIO
ESPLORAZIONE DIGITO-RETTALE NELLA FEMMINA
Febbre associata a diarrea-cause
FERITA-definizione
PERITONITE-definizione e tipi

Titolo
ANESTESIA LOCALE PER ERNIA INGUINALE
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-epidemiologia
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-esami di imaging
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-eziologia
CISTI CUTANEE EPIDERMOIDI
DIETA NELL’EPATITE ACUTA
DIETA NELL’EPATITE CRONICA
DOLORE EPIGASTRICO-cause
ECCESO BASE (BE)
Eco-FAST
ECOGRAFIA TIROIDEA
EMANGIOMA EPATICO
EMATURIA DI MEDIA ENTITA’-cause
EMATURIA INIZIALE-cause
EMATURIA MASSIVA-cause
EMATURIA MICROSCOPICA-cause
EMATURIA TERMINALE-cause
EMATURIA TOTALE-cause
EMATURIA-definizione
EMATURIA-elementi anamnestici da raccogliere
EMATURIA-promemoria delle cause
EMOLISI EXTRAVASCOLARE
EMOPERITONEO
EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI
EMORRAGIE GASTRO-INTESTINALI
EMORROIDI- esame obiettivo
EMORROIDI- eziologia delle emorroidi
Emorroidi-classificazione
EMORROIDI-clinica
Emorroidi-criticità della classificazione di Goligher per le emorroidi
EMORROIDI-epidemiologia
EMORROIDI-fisiopatologia
EMORROIDI-indagini diagnostiche
EMORROIDI-terapia medica
ENCEFALOPATIA-sintomi e segni clinici
ENTERITE ATTINICA
ENZIMA DI CONVERSIONE DELL’ANGIOTENSINA AUMENTATA-cause
ERISIPELA
ERNIA INGUINALE
ERNIE DELLA PARETE ADDOMINALE
ESAME OBIETTIVO DEI LINFONODI
ESAME OBIETTIVO DEL COLLO E DELLA TIROIDE
ESAME OBIETTIVO DEL CUORE E VASI
ESAME OBIETTIVO DEL TORACE, POLMONI E MAMMELLE
ESAME OBIETTIVO DELL’ADDOME
ESAME OBIETTIVO DELLA BOCCA,DENTI E FARINGE
ESAME OBIETTIVO DELLA COLONNA VERTEBRALE
ESAME OBIETTIVO DELLA CUTE E SOTTOCUTE
ESAME OBIETTIVO DELLA POSTURA
ESAME OBIETTIVO DELLA TESTA
ESAME OBIETTIVO GENERALE
ESAME OBIETTIVO UROGENITALE (nel maschio)
ESPLORAZIONE DIGITO-RETTALE NEL MASCHIO
ESPLORAZIONE DIGITO-RETTALE NELLA FEMMINA
Febbre associata ad eruzioni cutanee-cause
OCCLUSIONE COLICA DA ENDOMETRIOSI
PERITONITE-epidemiologia
TRAUMA-risposta endocrinometabolica ed immunologica ai traumi (REMIT)

Titolo

Titolo

Titolo

Titolo
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-fattori di rischio per lo sviluppo dell’aneurisma
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-lo screening e monitoraggio
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-sintomi e segni clinici 
APPENDICITE ACUTA-sintomi e segni clinici
CANCRO DEL COLON-differenza tra cancro del colon sinistro e destro
CARCINOMA SPINOCELLULARE
CLORO NEL SIERO (cloremia)
CORTISOLO SIERICO
CREATINCHINASI TOTALE SIERICA
CROMO SIERICO
Crush syndrome (sindrome da schiacciamento)
DIETA NEL SINDROME DELL’INTESTINO IRRITABILE
DIETA NELLA SUBOCCLUSIONE INTESTINALE
DIETA PER PAZIENTE STOMIZZATO
DIETA SEMILIQUIDA
Differenza tra la sindrome di Boerhaave e sindrome di Mallory-Weiss
DOLORE ADDOMINALE E SHOCK
DOLORE ADDOMINALE-segni di allarme
ESAME OBIETTIVO DELLA CUTE E SOTTOCUTE
Febbre associata a splenomegalia-cause
OSSITOCINASI SIERICA
PARATORMONE SIERICO (PTH)
pCO2 nel sangue
pH del sangue
SINDROME CEREBELLARE ACUTA-segni clinici
SINDROME DA CARCINOIDE
SINDROME DA RIVASCOLARIZZAZIONE (sindrome di Letac)
SINDROME DEL COMPASSO AORTO-MESENTERICO
SINDROME DEL LOBO MEDIO
SINDROME DELL’ANSA AFFERENTE
SINDROME DELL’ANSA CIECA
SINDROME DELL’ANSA ESCLUSA (Small Intestinal Bacterial Overgrowth)
Sindrome di Barsony-Teschendorf
SINDROME DI BOERHAAVE
SINDROME DI LERICHE
SINDROME DI LYNCH
SINDROME DI OLGIVIE (PSEUDO-OSTRUZIONE DEL COLON)
SINDROME NEFROSICA-complicanze
SINDROME POST-COLECISTECTOMIA
SINDROMI POST GASTRECTOMIA
SINTOMI CARDIOVASCOLARI
SINTOMI GASTROINTESTINALI
SINTOMI LEGATI A PROBLEMI LOCALIZZATI AL COLLO
SINTOMI LEGATI AI PROBLEMI DEL NASO
SINTOMI LEGATI AI PROBLEMI DELL’ORECCHIO
SINTOMI LEGATI AI PROBLEMI DELLA BOCCA E DELLA GOLA
SINTOMI OCULARI
SINTOMI RESPIRATORI
SINTOMI URINARI
SINTOMI-cosa devi valutare in un sintomo?
SPLENOMEGALIA
STENOSI ISCHEMICHE DEL COLON
ULCERA SOLITARIA DEL RETTO-tutto da sapere
VOLVOLO DELLO STOMACO

Titolo

Titolo

Titolo

Titolo

Hai qualche problema di salute?

Gli esperti ti risponderanno

Devi fare un Intervento Chirurgico?

Ti aiuteremo a preparare meglio il tuo iter preoperatorio ed avere informazioni più complete per l'intervento che devi fare.

Informazioni Legali

I testi, le informazioni e gli altri dati pubblicati in questo sito nonché i link ad altri siti presenti sul web hanno esclusivamente scopo informativo e non assumono alcun carattere di ufficialità.

Il proprietario del sito non assume alcuna responsabilità per eventuali errori od omissioni di qualsiasi tipo e per qualunque tipo di danno diretto, indiretto o accidentale derivante dalla lettura o dall'impiego delle informazioni pubblicate, o di qualsiasi forma di contenuto presente nel sito o per l'accesso o l'uso del materiale contenuto in altri siti.

È fortemente consigliato per eventuali problemi di salute di fare riferimento al proprio medico di fiducia.