EMORROIDECTOMIA-Crioterapia delle emorroidi

Su quale concetto si basa l’uso della crioterapia?

La crioterapia si basa sul concetto che in un tessuto sottoposto a un rapido congelamento, l’acqua intracellulare si cristallizza, le membrane cellulari si distruggono e sopravviene la necrosi cellulare.

Il congelamento inoltre, distrugge le terminazioni nervose e induce un’anestesia immediata rendendo la distruzione cellulare indolore.

Qual è l’indicazione della crioterapia?

Il trattamento con crioterapia è riservato solo alle emorroidi interne.

Se applicata nelle emorroidi esterne, l’aumento di volume delle cellule adiacenti sopravvissute e l’edema che sopraggiungono con il riscaldamento del tessuto insieme ad un considerevole incremento della tensione cellulare sono causa di profusa secrezione sierosa e dolore.

La secrezione è particolarmente abbondante se il trattamento è eseguito distalmente alla linea dentata con il fine di trattare emorroidi esterne o marische, sino al punto che i pazienti sono costretti ad utilizzare assorbenti igienici per evitare la macerazione della cute circostante.

Come si applica la tecnica di crioterapia?

Il paziente è posto in posizione di Sims o di Jack-knife.

Con l’ausilio di uno speculum in plastica (questo materiale non conduce il freddo) si pone la sonda crioscopica di forma cilindrica a contatto con la parte da trattare, per tutta la lunghezza del plesso emorroidario.

Il tempo di contatto con lo strumento è di circa due minuti ma può variare in funzione del tipo di sonda adoperato. Le sonde ad anidrite carbonica, le più diffuse per il costo relativamente contenuto, hanno un potere di raffreddamento più basso (-89 0C) rispetto a quelle molto più costose ad azoto liquido (-196°C).

Il vantaggio di queste ultime risiede esclusivamente nella maggiore velocità con cui generano il congelamento del plesso emorroidario, riducendo i tempi della procedura.

Il congelamento, che si manifesta con la trasformazione del plesso emorroidario in una “palla di ghiaccio”, avviene a -22°C ed è quindi ottenibile con entrambi i tipi di sonda.

Trascorsi i 2-3 minuti la sonda viene rimossa ed il tessuto in pochi minuti si scongela tornando apparentemente identico allo stato iniziale.

Alcuni autori, fra cui Kaufman, consigliano una seconda applicazione dopo un periodo di scongelamento di 5-10 minuti.

Quali sono i risultati della crioterapia?

Ci sono studi che riportano risultati molto convincenti con grado di soddisfazione dei pazienti variabile dal 75% al 97%.

Progressivamente sia per l’allungarsi del follow-up, sia per l’arruolamento dei pazienti in casistiche più ampie ed in studi randomizzati, i risultati della tecnica sono apparsi progressivamente meno brillanti.

Smith, in uno studio randomizzato versus emorroidectomia, individua in quest’ultima una tecnica che offre una guarigione più rapida, senza residui di malattia.

O’Callaghane Goligher, inoltre, concordano nell’indicare la procedura come “time-consuming”.

Quali sono le complicanze della crioterapia?

Sono riportati casi di insorgenza di fastidiosi segni lasciati sulla cute, di formazione di trombosi nei vasi emorroidari non coinvolti dalla crio-distruzione ed anche casi di incontinenza, verosimilmente dovuti al danneggiamento dello sfintere interno per l’impossibilità di limitare in profondità la necrosi crio-generata.

Autori riportano di come applicazioni inappropriate possono determinare stenosi e/o incontinenza per un coinvolgimento degli sfinteri.

Keighley and AMilliams descrivono la crioterapia come una terapia dolorosa frequentemente associata a perdita di secrezioni e che causa allontanamento dal lavoro per almeno una settimana.

Questi stessi autori affermano che solo circa il 50% dei pazienti è pienamente soddisfatto di tale trattamento e che i risultati a lungo termine sono poco prevedibili. Sostanzialmente la procedura non è più raccomandata.

Titolo
APPENDICECTOMIA LAPAROSCOPICA-referto operatorio
APPENDICITE ACUTA-trattamento chirurgico open
COLANGIOGRAFIA INTRAOPERATORIA
COLECISTECTOMIA PER VIA LAPAROTOMICA-referto operatorio
COLECISTECTOMIA VIDEOLAPAROSCOPICA-referto operatorio
COLECISTECTOMIA-controindicazioni
COLECISTECTOMIA-indicazioni
COLECISTECTOMIA-perché il paziente viene tenuto ricoverato dopo l’intervento e quanto dura il ricovero?
COLECISTECTOMIA-Possono esserci complicanze durante l’intervento?
COLECISTECTOMIA-Può essere necessario modificare la tattica operatoria durante l’intervento?
COLECISTECTOMIA-quali precauzioni avere dopo la dimissione?
COLECISTECTOMIA-Quando è indicata la colecistectomia profilattica?
DRENAGGIO TORACICO-principi
EMICOLECTOMIA DESTRA ALLARGATA-referto operatorio
EMICOLECTOMIA DESTRA VIDEOLAPAROSCOPICA-referto operatorio
Emorroidectomia circolare (Intervento di Whitehead)
EMORROIDECTOMIA CON LASER
EMORROIDECTOMIA con Ligasure
EMORROIDECTOMIA secondo Ferguson
EMORROIDECTOMIA secondo Longo
EMORROIDECTOMIA secondo MILLIGAN-MORGAN
EMORROIDECTOMIA SECONDO MILLIGAN-MORGAN-referto operatorio
EMORROIDECTOMIA SOTTOMUCOSA- intervento di Parks
EMORROIDECTOMIA-Atomizzazione delle emorroidi
EMORROIDECTOMIA-complicanze
EMORROIDECTOMIA-Crioterapia delle emorroidi
EMORROIDECTOMIA-Diatermia bipolare delle emorroidi
EMORROIDECTOMIA-Diatermia monopolare delle emorroidi
EMORROIDECTOMIA-farmaci da usare nel dolore post-operatorio
EMORROIDECTOMIA-generalità
EMORROIDECTOMIA-interventi di rotazione o scivolamento di lembi cutanei perineali
EMORROIDECTOMIA-la scleroterapia
EMORROIDECTOMIA-la tecnica di fotocoagulazione
EMORROIDECTOMIA-legatura elastica
EMORROIDECTOMIA-tecnica THD-DG HAL
ERCP (Endoscopic Retrograde Cholangiopancreatography)
ERNIOPLASTICA INGUINALE CON RETE PROTESICA
ERNIOPLASTICA INGUINALE VIDEOLAPAROSCOPICA-referto operatorio
ERNIOPLASTICA SECONDO LICHTESTEIN-referto operatorio
ESCISSIONE DI CISTI SACRO-COCCIGEA-referto operatorio
GASTROSTOMIA (PEG)-controindicazioni
GASTROSTOMIA (PEG)-cos’è e a cosa serve la PEG?
GASTROSTOMIA (PEG)-indicazioni al confezionamento della PEG
GASTROSTOMIA (PEG)-Tecnica di posizionamento della PEG
GASTROSTOMIA-complicanze della gastrostomia
GASTROSTOMIA-manutenzione e cura della gastrostomia
GASTROSTOMIA-modalità di costruzione di una gastrostomia
GASTROSTOMIA-quale anestesia si effettua?
GASTROSTOMIA-somministrazione dei farmaci tramite gastrostomia
LAPAROALLOPLASTICA  SECONDO RIVES-referto operatorio
MINI BY-PASS GASTRICO-tips and trics
PICCOLI INTERVENTI-referto operatorio
RAGADE ANALE-trattamento chirurgico
TIROIDECTOMIA TOTALE-referto operatorio

Titolo

Titolo

Titolo

Titolo

Titolo

Titolo

Titolo

Titolo

Titolo

Titolo

Hai qualche problema di salute?

Gli esperti ti risponderanno

Devi fare un Intervento Chirurgico?

Ti aiuteremo a preparare meglio il tuo iter preoperatorio ed avere informazioni più complete per l'intervento che devi fare.

Informazioni Legali

I testi, le informazioni e gli altri dati pubblicati in questo sito nonché i link ad altri siti presenti sul web hanno esclusivamente scopo informativo e non assumono alcun carattere di ufficialità.

Il proprietario del sito non assume alcuna responsabilità per eventuali errori od omissioni di qualsiasi tipo e per qualunque tipo di danno diretto, indiretto o accidentale derivante dalla lettura o dall'impiego delle informazioni pubblicate, o di qualsiasi forma di contenuto presente nel sito o per l'accesso o l'uso del materiale contenuto in altri siti.

È fortemente consigliato per eventuali problemi di salute di fare riferimento al proprio medico di fiducia.