TIREOTOSSICOSI e IPERTIROIDISMO

La tireotossicosi e una malattia da eccesso di ormoni tiroidei nel sangue, con manifestazioni cliniche (cardiache, nervose, metaboliche) anche gravi.

L’ipertiroidismo è una condizione caratterizzata dalla presenza in circolo di quantità eccessive di ormoni tiroidei.

Quali sono i sintomi della tireotossicosi?

Sistema nervoso

Nervosismo

Agitazione

Irritazione

Insonnia

Instabilità nervosa

Tremore delle mani

Tremore della lingua

Sistema cardiovascolare

Palpitazioni

Dispnea da sforzo

Dolore toracico

Sistema digestivo e metabolismo

Aumento dell’appetito

Perdita di peso

Diarrea

Preferenza per tempo freddo

Sudorazione eccessiva

Intolleranza al caldo

Cambiamenti mestruali

Amenorrea

Oligomenorrea

Sistema muscoloscheletrico

Debolezza dei piccoli muscoli della mano, muscoli della spalla e del viso.

Quali sono i segni della tireotossicosi?

Ingrossamento uniforme della tiroide, liscia, morbida nella malattia di Graves (primario). Ingrossamento asimmetrico o nodulo solitario.

Ipervascolarizzazione della ghiandola (presenza di soffio)

Tremore delle mani tese (fine, veloce) e della lingua

Mani calde e umide

Tachicardia

Extrasistole, fibrillazione atriale e insufficienza cardiaca

Segni dell’occhio(esoftalmo ecc)

Miopatia: si riscontra comunemente debolezza della muscolatura prossimale dell’arto. Occasionalmente si verifica una grave debolezza muscolare simile alla miastenia grave.

Quali sono i segni oculari della tireotossicosi?

1.Retrazione palpebrale: questo segno è causato da un’eccessiva attività della parte involontaria della muscolatura liscia del muscolo elevatore delle palpebre superiori. Se la palpebra superiore è più alta del normale e la palpebra inferiore è in posizione corretta, il paziente ha una retrazione palpebrale (non si tratta di esoftalmo)

2.Movimento ritardato o immobilità della palpebra (segno di von Graefe): è caratterizzato dall’immobilità o dalla retrazione della palpebra superiore nel movimento dell’occhio verso il basso.

3.Esoftalmo: qui entrambe le palpebre sono allontanate dal centro con la sclera inferiore che diventa visibile. Il bulbo oculare viene spinto in avanti dall’aumento del grasso retroorbitale, dell’edema e dell’infiltrazione cellulare (la sclera dovrebbe essere sempre visibile sotto il bordo inferiore degli occhi nell’esoftalmo)

4.Gli altri segni oculari sono:

a. Riduzione dell’ammiccamento e retrazione spastica della palpebra superiore per cui non si riesce a chiudere completamente gli occhi (segno di Stellwag) dovuto alla retrazione della palpebra.

b. Segno di Joffroy: mancato corrugamento della fronte nello sguardo verso l’alto

c. Segno di Möbius – difficoltà o mancanza di convergenza dei bulbi oculari quando si chiede al paziente di guardare oggetti vicini.

5.Esoftalmo grave – L’edema intraorbitale si aggiunge all’aumentata deposizione di grasso intraorbitale. Si compone di;

a.Congestione intraorbitale: lacrimazione, vasi sanguigni dilatati nella congiuntiva laterale.

b.Aumento della tensione intraoculare

c.Paralisi muscolare (oftalmoplegia) – manifestato dalla visione doppia, specialmente quando l’occhio viene spostato verso l’alto e verso l’esterno

d.Chemosi (edema della congiuntiva bulbare)

Quali sono i tre tipi clinici più importanti di tireotossicosi?

1. Tireotossicosi primaria / Graves / gozzo tossico diffuso

2. Tireotossicosi secondaria / malattia di Plummer / gozzo nodulare tossico

3.Nodulo tossico / adenoma / nodulo autonomo

Qual è la differenza tra tireotossicosi e ipertiroidismo?

La tireotossicosi si riferisce alle manifestazioni biochimiche e fisiologiche dell’eccessivo ormone tiroideo. L’ipertiroidismo è un termine riservato ai disturbi che provocano la produzione eccessiva di ormoni da parte della ghiandola tiroidea.

La tireotossicosi non deve essere necessariamente dovuta all’ipertiroidismo.

In breve, nell’ipertiroidismo la patologia è nella ghiandola tiroidea stessa. Di seguito sono riportate le cause dell’ipertiroidismo e della tireotossicosi senza ipertiroidismo.

IPERTIROIDISMOTIREOTOSSICOSI SENZA IPERTIROIDISMO
1. Malattia di Graves
2. Gozzo nodulare tossico
3. Adenoma tossico
4. Malattia di Basedow
1.Tiroidite subacuta *
2.Tessuto tiroideo funzionante ectopico
3.Tiroidite silenziosa
4 Struma ovarii
5) Carcinoma follicolare metastatico (funzionante)
6.Tumori trofoblastici
7.Tiroidite postpartum
8.Tirotossicosi factitia

* Nota: nella tiroidite, l’infiammazione della tiroide causa il rilascio in circolo di ormoni tiroidei già formati, con conseguente tossicosi. In altre condizioni come struma ovarii, tumori trofoblastici, ecc. c’è una produzione extra tiroidea di tiroxina da questi tessuti.

Quali sono le differenze tra tireotossicosi primaria e tireotossicosi secondaria?

TIREOTOSSICOSI PRIMARIATIREOTOSSICOSI SECONDARIA
1.L’ingrandimento del gozzo è diffuso, solido o morbido
2.L’esordio è improvviso
3.L’ipertiroidismo è generalmente grave
4.L’insufficienza cardiaca è rara
5.Segni oculari comuni
6.Nessun gozzo preesistente
7.Di solito le donne più giovani
8.L’intera ghiandola è iperattiva
9.È dovuto ad anticorpi anomali stimolanti della tiroide
10.Può essere gestito da farmaci, iodio radioattivo e chirurgia
11.Manifestazioni non dovute a ipertiroidismo: può verificarsi mixedema pretibiale
1.Ingrandimento nodulare non uniforme
2.Esordio lento
3.Ipertiroidismo generalmente lieve
4.Insufficienza cardiaca o fibrillazione atriale sono manifestazioni comuni
5.Ad eccezione del ritardo nel movimento palpebrale e della retrazione della palpebra, non si osservano altri segni oculari
6.Gozzo nodulare preesistente di lunga durata
7.Di solito compare a mezza età o anziani
8.Il tessuto tiroideo internodulare è iperattivo. Raramente anche uno o più noduli possono essere iperattivi
9.Nessun anticorpo che stimola la tiroide (è dovuto all’eccessiva attività dei noduli)
10.La chirurgia è il trattamento di scelta dopo il controllo della tossicità
11.No mixedema pretibiale

Quali sono i fattori precipitanti della tireotossicosi primaria?

Sesso (pubertà, gravidanza)

Sepsi

Cause psichiche (improvviso disturbo emotivo).

Come confermare la diagnosi di tireotossicosi?

Eseguendo:

• Test di funzionalità tiroidea – T3, T4 e TSH.

• T3 e T4 liberi sono più significativi. Il T3 e il T4 si alzano e il TSH si abbassa nell’ipertiroidismo.

Nota: il livello totale di ormoni T3 e T4 varierà a seconda della quantità della tireoglobulina (TBG).

Altri esami sono:

  • Anticorpi antitiroglobulina: più di 1: 100.
  • Anticorpi anti-perossidasi tiroidea (TPO):> 25 unità (gli anticorpi TPO e TSH sono aumentati nella tiroidite autoimmune).

Gli anticorpi contro il recettore del TSH.

Scintigrafia con radioisotopi.

Che cos’è la tireotossicosi T3?

È un tipo di tireotossicosi in cui solo T3 aumenta e il TSH diminuisce.

Cos’è l’ipertiroidismo subclinico?

Si vede nell’1% degli ipertiroidismi.

Il TSH sierico è basso ma la T4 libera è normale.

I sintomi sono assenti e per questo si chiama “sub-clinico”.

Cos’è l’ipertiroidismo mascherato?

E un tipo di ipertiroidismo che presenta queste caratteristiche:

  • Mancano quasi tutte le manifestazioni cliniche
  • Si presenta con problemi di comportamento
  • Paziente potrebbe finire dallo psichiatra ·
  • La ghiandola tiroidea non è solitamente ingrandita
  • Comunemente si riscontra nei pazienti anziani
  • Si presenta con diminuzione dell’appetito e letargia
  • Si può presentare con nuova insorgenza di fibrillazione atriale e aumento dell’angina

Agoaspirato (FNAC), ha qualche ruolo nella tireotossicosi?

Sì. A volte la tireotossicosi può essere associata a un carcinoma papillare della tiroide. FNAC è meglio farlo dopo aver controllato la tossicosi a causa della maggiore vascolarizzazione della ghiandola.

Come gestire la tireotossicosi?

Nella tireotossicosi primaria abbiamo 3 opzioni.

1. Farmaci antitiroidei

2. Terapia con radioiodio

3. Chirurgia

Quali sono i farmaci disponibili per il trattamento?

Farmaci disponibili per il trattamento della tireotossicosi:

a. Tionamidi

• Carbimazolo

Dose 40 – 60 mg al giorno per le prime tre settimane, poi 20-40 mg al giorno per 4-8 settimane,

Mantenimento di 5-20 mg / giorno per 18-24 mesi (ogni compressa è di 5 mg)

• Propiltiouracile (PTU)

• Metimazolo 20-30 mg al giorno (dose singola)

b. Beta bloccanti

c. Il potassio perclorato inibisce il trasporto di ioduro

d. Iodio di Lugol

e. Acido Iopanoico – 500 mg bid

Casi gravi che non rispondono alla terapia convenzionale

f. Carbonato di litio – 300 mg ogni 6 ore

g. Guanetidina 30-40 mg per via orale ogni 6 ore

h. Reserpina 2,5 – 5 mg IM ogni 4 ore

i. Glucocorticoidi: desametasone 2 mg per via orale ogni 6 ore

Qual è la dose di propiltiouracile?

Da 100 a 300 mg 3 volte al giorno per via orale inizialmente per 4-6 settimane seguite da 100 mg 3 volte al giorno.

Qual è l’azione del propiltiouracile?

  • PTU blocca la conversione di T4 in T3 nella periferia (fegato)
  • Inibisce l’organizzazione dello iodio e l’accoppiamento delle iodotirosine
  • Ha effetti immunomodulatori che riducono gli anticorpi stimolanti la tiroide.

Quali sono i vantaggi del PTU?

  • Il PTU può essere somministrato durante la gravidanza a dosi ridotte.
  • Se è necessaria la tiroidectomia nel secondo trimestre, il paziente può essere preparato con PTU.
  • È utile per il trattamento della tempesta tiroidea (sono necessarie più dosi)

Quali sono gli effetti negativi del PTU?

  • Epatotossicità non correlata alla dose
  • Lieve aumento delle transaminasi nel 30%
  • Agranulocitosi
  • Effetti collaterali minori come quelli osservati nella terapia con carbimazolo
  • Presenza di anticorpi anti-citoplasma dei neutrofili  (ANCA) nel 20% dei casi, soprattutto con trattamento a lungo termine

Qual è l’azione del carbimazolo?

Il carbimazolo agisce con i seguenti metodi:

  • Bloccando il legame organico e ossidazione dello iodio
  • Immunosoppressione (riduce il rilascio di antigene tiroideo, prostaglandine e citochine)
  • Riduzione dei titoli degli autoanticorpi tiroidei

Quali sono gli effetti collaterali del carbimazolo?

  • Gli effetti collaterali sono:
  • Febbre, eruzione cutanea, orticaria e artralgia (effetti collaterali minori)
  • Disfunzione epatica
  • Neurite
  • Mialgia
  • Linfoadenopatia
  • Psicosi
  • Agranulocitosi occasionale (<1 su 200 casi)

Qual è la manifestazione clinica dell’agranulocitosi?

L’agranulocitosi si presenta con mal di gola, che garantisce la cessazione immediata del farmaco.

La tiroide può essere ingrandita durante il trattamento medico?

Sì. Durante il trattamento in 1/3 fino alla metà dei pazienti, la tiroide si ingrandisce. L’allargamento di solito si verifica a causa dell’inizio dell’ipotiroidismo, che dovrebbe essere evitato.

Che cos’è il regime di “blocco e sostituzione”?

L’ingrossamento della tiroide dovuto allo sviluppo di ipotiroidismo durante il trattamento medico viene prevenuto integrando una bassa dose di levotiroxina (0,1 mg) insieme ai farmaci antitiroidei. Questo si chiama il regime di “blocco e sostituzione”?

In quale percentuale di pazienti è efficace il trattamento medico?

La remissione permanente è possibile solo in una piccola minoranza di adulti e nel 20% dei bambini.

Qual è la dose di beta-bloccante?

Il propranololo è il farmaco di scelta per il controllo iniziale dei sintomi adrenergici.

La dose è di 20 – 80 mg ogni 6-8 ore per via orale.

1-2 mg di propranololo EV per la tempesta tiroidea.

Qual è l’azione del propranololo?

  • Blocca la conversione periferica di T4 in T3
  • L’azione antagonista adrenergica aiuta ad alleviare i sintomi cardiaci, tremore, ecc.

Quali sono le controindicazioni per l’uso del propranololo?

  • Asma bronchiale
  • BPCO
  • Arresto cardiaco
  • Crisi convulsivi febbrili

Il propranololo è indicato in tutti i pazienti con tossicità?

No;

Viene somministrato per la gestione chirurgica di emergenza della tossicità

Viene anche utilizzato per il controllo dei sintomi adrenergici.

Se il paziente è stato preparato utilizzando il propranololo prima dell’intervento chirurgico alla tiroide, per quanto tempo dovrebbe essere continuato dopo l’intervento?

Il propranololo deve essere somministrato per un periodo di 1 settimana e preferibilmente ridotto gradualmente in un periodo di due settimane dopo l’intervento chirurgico.

Quali sono i farmaci che inibiscono la conversione periferica di T4-T3?

Farmaci che inibiscono la conversione periferica di T4-T3 sono:

  • Beta bloccanti
  • Propiltiouracile
  • Glucocorticoidi
  • Acido Iopanoico

 Qual è la durata minima del trattamento medico richiesto prima dell’intervento?

La tiroidectomia eseguita immediatamente dopo il controllo della tireotossicosi è associata al rischio di crisi tiroidea ed è preferibile attendere circa due mesi fino a quando un paziente è eutiroideo.

Quale ruolo ha il desametasone nella gestione della tireotossicosi?

Viene utilizzato per la gestione delle crisi tireotossiche

La dose è di 2 mg ogni 6 ore (iniezione)

Quali sono le azioni del desametasone?

  • Inibisce la secrezione ghiandolare dell’ormone
  • Inibisce la conversione periferica di T4 in T3
  • Immunosoppressione

Che cos’è lo iodio di Lugol e qual è la sua dose?

Si chiama Lugol una concentrazione di cinque percento di iodio nel 10% di ioduro di potassio.

La dose è di 10 gocce in un bicchiere d’acqua 3 volte al giorno per 10 giorni.

Quali sono le azioni dello iodio di Lugol?

  • Diminuisce la vascolarizzazione della ghiandola
  • Rende la tiroide compatta e meno friabile (aiuta nella rimozione chirurgica)
  • Previene il rilascio di ormoni dalla ghiandola (Costipazione tiroidea).

Cosa succederà se lo iodio Lugol viene somministrato per più di 10 giorni?

Dopo due settimane l’effetto della terapia con iodio Lugol viene perso a causa della cosiddetta fuga della tiroide dal controllo dello iodio.

Quali sono le indicazioni per la terapia con radioiodio?

Il radioiodio (I131) viene solitamente somministrato a pazienti di età superiore a 45 anni per la tireotossicosi primaria.

Quali sono i problemi della terapia con radioiodio?

Problemi di terapia con radioiodio sono:

a. Il follow-up indefinito è essenziale poiché il paziente può sviluppare ipotiroidismo (75%)

b. Possibilità di insufficienza tiroidea permanente – 90% (l’ipo è più dovuta al fallimento della riproduzione cellulare).

c. Possibilità teorica di danno genetico, leucemia, danno al feto e carcinoma (nessuna prova convincente)

d. Ci vogliono dai due ai tre mesi per il controllo dei sintomi

e. Peggioramento dell’oftalmopatia (soprattutto nei fumatori) e della dermatopatia

f. lieve dolore nella parte anteriore del collo

g. aumento del rischio di tumori benigni

h. trasformazione maligna nei pazienti giovani

i.Può indurre iperparatiroidismo

Quali sono le controindicazioni della terapia con radioiodio?

Le controindicazioni della terapia con radioiodio sono:

  • Gravidanza
  • Allattamento
  • Donne che desiderano una gravidanza entro 1 anno
  • Bambini / adolescenti (relativo)

Qual è la dose di radioiodio?

Da 300 a 600 MBq, se non vi è alcun miglioramento clinico dopo 12 settimane, viene somministrata un’ulteriore dose. Sono necessarie due o più dosi nel 20-30% dei casi.

Qual è il metodo di trattamento con radioiodio per la tireotossicosi?

Rendi eutiroideo il paziente con i farmaci

Sospendi i farmaci per 5 giorni

Amministrare I131 300-600 MBq (5-10 mCi)

Inizia i farmaci antitiroidei dopo 1 settimana e continua per 6-8 settimane

Dopo 12 settimane, se non ci sono miglioramenti, somministrare un’altra dose di radioiodio

Possono essere necessarie due o più dosi di radioiodio.

Quali sono le indicazioni per un intervento chirurgico in tireotossicosi?

Intolleranza o mancato effetto dei farmaci antitiroidei.

Controindicazioni alla terapia con radioiodio.

Morbo di Graves nei bambini, negli adolescenti e in coloro che hanno meno di 25 anni.

Morbo di Graves con noduli.

Nelle donne che saranno potenziali madri.

Grande gozzo.

Tireomegalia persistente.

Se è necessario un farmaco antitiroideo per più di 2 anni.

Oftalmopatia.

Sintomi di pressione sulla trachea.

Gozzo tossico multinodulare.

Gozzo substernale.

Tireotossicosi indotto da amiodarone.

Quali sono i farmaci utilizzati per la preparazione di un paziente alla “tiroidectomia urgente”?

Combinazione di Acido Iopanoico per via orale 500 mg 2 volte/die+Desametasone 1 mg 2 volte/die + PTU o MMI e beta-bloccanti da 5 a 7 giorni.

Quali sono i vantaggi della chirurgia?

La chirurgia è efficace nel raggiungimento dello stato eutiroideo nel 95-97% dei pazienti.

Controlla immediatamente l’ipertiroidismo.

Si evitano i rischi associati alla terapia con radioiodio.

La chirurgia fornirà il tessuto per esame istologico.

La chirurgia rimuoverà i focolai occulti di malignità.

La gravidanza è immediatamente possibile.

Può essere rimosso un carcinoma paratiroideo coesistente.

È il miglior trattamento per la tireotossicosi con oftalmopatia.

Non c’è bisogno di follow-up perché i noduli vengono tolti.

Qual è il trattamento chirurgico della tireotossicosi primaria?

Tiroidectomia quasi totale o tiroidectomia subtotale. La tiroidectomia quasi totale è ora raccomandata come trattamento di scelta.

Qual è il trattamento raccomandato per la tireotossicosi secondaria?

La chirurgia è preferita al radioiodio per la tireotossicosi secondaria perché:

Non risponderà allo iodio radioattivo poiché la maggior parte dei noduli potrebbe non assorbire iodio radioattivo.

Possono essere necessarie dosi elevate e ripetute di radioiodio.

Qual è il trattamento raccomandato per il nodulo tossico?

Una volta che il paziente è stato reso eutiroideo, la chirurgia sotto forma di emitiroidectomia darà un sollievo permanente.

Qual è la gestione del gozzo intratoracico tireotossico?

I farmaci antitiroidei aumentano le dimensioni del gozzo retrosternale e intratoracico e pertanto il dosaggio deve essere attentamente regolato.

La chirurgia è il trattamento di scelta per il gozzo intra toracico tireotossico.

Qual è la gestione del gozzo tossico intra toracico in gravidanza?

I farmaci antitiroidei si somministrano a piccole dosi nel primo trimestre per prevenire il gozzo fetale e l’ostruzione delle vie aeree.

I farmaci antitiroidei si usano in combinazione con il propranololo e la chirurgia viene eseguita nel secondo trimestre.

Qual è il trattamento per la tossicità ricorrente?

Radioiodio / cure mediche.

Titolo
17 idrossicorticosteroidi urinari
ACALASIA ESOFAGEA
ACANTHOSIS NIGRICANS
ACANTOCITOSI-cause
ACE(AngiotensinConvertingEnzyme)SIERICO
ACIDO FOLICO
Acido idrossindolacetico urinario (5-HIA)
ACIDO URICO SIERICO
ACIDO URICO URINARIO
ACIDO VANILMANDELICO URINARIO
ACIDOSI METABOLICA CON ANION GAP AUMENTATO-cause
ACINESIA
ACINO
ACKEE
ACLORIDRIA
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-da 0-9+lettere
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera A
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera B
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera C
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera D
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera E
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera F
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera G
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera H
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera I
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera J
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera K
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera L
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera M
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera N
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera O
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera P
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera R
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera S
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera T
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera U
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera V
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera W
ACTH plasmatico
ADDOME ACUTO-cause chirurgiche potenzialmente letale dell’addome acuto
ADDOME ACUTO-definizione
ADDOME ACUTO-quali patologie pensare per prima?
ADDOME APERTO
ADENOMA TOSSICO DELLA TIROIDE
ADRENALINA
AGEUSIA-cause
ALBUMINA PLASMATICA
ALBUMINA-uso dell’albumina nel paziente cirrotico
ALBUMINA-uso dell’albumina nel paziente non cirrotico
ALDOLASI
ALDOSTERONE PLASMATICO
AMIKACINA
AMILASI PANCREATICA
AMILASI SIERICA
AMILASI URINARIA
AMINOGLICOSIDI
AMMONIO NEL SIERO
AMOXICILLINA
AMOXICILLINA/ACIDO CLAVULANICO
AMPICILLINA
AMPICILLINA/SULBACTAM
ANAMNESI FAMILIARE-dati da raccogliere
ANAMNESI PATOLOGICA REMOTA-dati da raccogliere
ANAMNESI SOCIALE-dati da raccogliere
ANAMNESI-dati da raccogliere nell’anagrafe
ANATOMIA DELLA PARETE TORACICA
ANESTESIA LOCALE PER ERNIA INGUINALE
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE-prognosi
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-definizione
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-diagnosi differenziale
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-epidemiologia
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-esami di imaging
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-eziologia
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-fattori di rischio per la rottura
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-fattori di rischio per lo sviluppo dell’aneurisma
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-lo screening e monitoraggio
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-misure terapeutiche non farmacologiche
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-parametri da monitorare in un paziente con AAA in stato cronico
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-pazienti più a rischio di complicanze
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-quando e come trattare un aneurisma dell’aorta addominale in stato cronico
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-ruolo dei beta-bloccanti
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-sintomi e segni clinici 
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-test laboratorici
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-trattamento dello stato acuto
ANGINA DI LUDWIGS
ANGIOGRAFIA
Angiotensin-Converting-Enzyme (ACE)
ANGOLO STERNALE DI LOUIS
ANTIBIOTICI CONTROINDICATI IN GRAVIDANZA
ANTIBIOTICOTERAPIA-adeguamento della dosi e modalità di somministrazione nel caso di insufficienza renale
ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI
ANTICORPI ANTINUCLEO (ANA)
ANTIGENE PROSTATICO SPECIFICO (PSA)
Antineutrophil Cytoplasmatic Antibodies (ANCA)
ANTITROMBINA III
APOLIPOPROTEINE A e B sieriche
APPENDICE VERMIFORME
APPENDICECTOMIA-complicanze postoperatorie
APPENDICITE ACUTA NEGLI ANZIANI
APPENDICITE ACUTA NEI BAMBINI
APPENDICITE ACUTA NELLE DONNE IN GRAVIDANZA
APPENDICITE ACUTA-anatomia patologica
APPENDICITE ACUTA-complicanze
APPENDICITE ACUTA-dati laboratorici
APPENDICITE ACUTA-diagnosi
APPENDICITE ACUTA-diagnosi
APPENDICITE ACUTA-diagnosi differenziale
APPENDICITE ACUTA-drenaggio percutaneo ecoguidato
APPENDICITE ACUTA-esami di imaging
APPENDICITE ACUTA-patogenesi
APPENDICITE ACUTA-sintomi e segni clinici
APPENDICITE ACUTA-terapia antibiotica pre e post-operatoria
APPENDICITE ACUTA-trattamento chirurgico
APPENDICITE ACUTA-trattamento non operatorio
APTOGLOBINA
APTT (tempo di tromboplastina parziale attivata)
ASCESSO MAMMARIO
ASCESSO PERIANALE
ASFISSIA TRAUMATICA (sindrome di Perte)
ATELETTASIA POLMONARE
AZITROMICINA
AZOTO SIERICO
AZTREONAM
BETA HCG PLASMATICO (β-hCG)
BEZOAR POST-GASTRECTOMIA
BICARBONATI PLASMATICI
Bilirubina totale e frazionata
BIOFILM-definizione
BRADICARDIA SINTOMATICA
BRADICARDIA-cause della bradicardia
BUDDING TUMORALE
CA 125 (cancro antigene 125)
CA 15-3 (cancro antigene 15-3)
CA 19-9 (gastrointestinal cancer associated antigen)
CALCEMIA (calcio sierico)
CALCIO URINARIO
CALCITONINA PLASMATICA
CALCOLI BILIARI-Da che cosa sono composti i calcoli biliari?
CALCOLI BILIARI-Perché si formano i calcoli biliari?
CALCOLI BILIARI-Quali sono i fattori di rischio per la formazione di calcoli biliari?
CALCOLI BILIARI-Quali sono i sintomi della calcolosi biliare?
CALCOLI BILIARI-Quanto è frequente la calcolosi biliare?
CALCOLI NEL CORPO UMANO
CALPROTECTINA FECALE
CAMBIAMENTI DEL PESO-domande da fare al paziente
CAMBIAMENTI DELL’ ALVO-domande da fare al paziente
CANALE INGUINALE-anatomia
CANCRO DEL COLON-differenza tra cancro del colon sinistro e destro
CANCRO ESOFAGEO-clinica
CANCRO ESOFAGEO-diagnosi
CANCRO ESOFAGEO-epidemiologia
CANCRO ESOFAGEO-forme istologiche
CANCRO ESOFAGEO-prognosi
CANCRO ESOFAGEO-stadiazione
CANCRO ESOFAGEO-trattamento
CARCINOMA DEL MONCONE GASTRICO
CARCINOMA PAPILLARE DELLA TIROIDE
CARCINOMA SPINOCELLULARE
CARCINOSI PERITONEALE
CATECOLAMINE PLASMATICHE
CATECOLAMINE URINARIE
CEA (antigene carcino-embrionario)
CEFALEXINA
CEFALOSPORINE
CEFALOSPORINE-classificazione delle cefalosporine
CEFAZOLINA
CEFEPIME
CEFIXOTINA
CEFOTAXIME
CEFPODOXIME
CEFTAZIDIME
CEFTRIAXONE
CEFUROXIME
CELLULITE
CELLULITE ORBITALE
CERULOPLASMINA
CHINOLONICI
CHIRURGIA ADDOMINALE D’URGENZA-regole di comportamento e decisione
CHIRURGIA-principi delle manovre chirurgiche
CICATRICE-definizione
CICATRICI-differenza tra cicatrizzazione ipertrofica e cheloide
CICATRIZZAZIONE-definizione
CICLOSPORIASI
CIPROFLOXACINA
CISTI CUTANEE EPIDERMOIDI
CLARITROMICINA
Classificazione delle vitamine
CLEARANCE DELLA CREATININA
CLINDAMICINA
CLORO NEL SIERO (cloremia)
CLORURI URINARI
COLANGIOGRAFIA-4 metodiche comuni di esecuzione
COLANGIOGRAFIA-Come differenziare il tipo della colangiografia nell’immagine radiologica?
COLANGITE ACUTA-clinica
COLANGITE ACUTA-definizione
COLANGITE ACUTA-diagnosi
COLANGITE ACUTA-eziologia
COLANGITE ACUTA-fisiopatologia
COLANGITE ACUTA-gravità
COLANGITE ACUTA-prognosi
COLANGITE ACUTA-trattamento
COLECISTI (cistifellea)
COLECISTITE ACUTA-Errori comuni nel periodo preoperatorio della colecistite acuta
COLECISTITE ACUTA-quali sono i passaggi essenziali nella valutazione del colecistite acuta?
COLECISTITE ACUTA-trattamento
COLESTEROLO
COLICA BILIARE-trattamento
COLITE ISCHEMICA
COLITE ULCEROSA-caratteristiche della biopsia
COLITE ULCEROSA-risultati endoscopici
COLITE ULCEROSA-risultati endoscopici
COLONSCOPIA-indicazioni e controindicazioni
Complemento totale e frazionato
CONTROLLO DELLA FONTE DI INFEZIONE (source control)
CONTUSIONE DEL CUORE
CONTUSIONE POLMONARE-percorso naturale
COPROCOLTURA IN PRONTO SOCCORSO
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)- E’ utile eseguire una RX nel caso di corpi estranei esofagei?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)- Qual è l’incidenza dell’ingestione dei corpi estranei?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Chi dovrebbe sottoporsi a un trattamento chirurgico e quali sono i tempi appropriati per l’intervento chirurgico nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-clinica ed esame obiettivo dell’ingestione del corpo estraneo?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-da cosa dipende l’impatto del corpo estraneo esofageo?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-È consigliato esame del transito con contrasto nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Endoscopia per corpi estranei esofagei deve essere fatta sotto anestesia?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Entro quanto tempo deve essere fatta endoscopia nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Qual è la tattica di asportazione endoscopica dei corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Quali sono le indicazioni per l’endoscopia nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Quali sono le procedure chirurgiche più appropriate nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Quando deve essere fatta la tomografia computerizzata (TAC) nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Quando usare endoscopia rigida nel caso dei corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Su cosa si basa la valutazione iniziale per corpi estranei esofagei?
CORTISOLO SIERICO
CREATINCHINASI TOTALE SIERICA
CREATINCHINASI-MB SIERICA(CK-MB)
CREATININA
CREATININA URINARIA
CRIOGLOBULINE
CRISI DI ASSENZE-definizione di crisi di assenze
CROMO SIERICO
CROSS-LINK URINARI
Crush syndrome (sindrome da schiacciamento)
CUORE POLMONARE ACUTO
DAPTOMICINA
DELIRIO IPERATTIVO-trattamento
DEMENZA-differenza tra demenza e malattia di Alzheimer
DIASTASI DEI MUSCOLI RETTI DELL’ADDOME
Dieta dopo la colecistectomia
DIETA DOPO RESEZIONE GASTRICA
DIETA IPOLIPIDICA
DIETA NEL SINDROME DELL’INTESTINO IRRITABILE
DIETA NELL’EPATITE ACUTA
DIETA NELL’EPATITE CRONICA
DIETA NELL’ULCERA GASTRODUODENALE
DIETA NELLA CIRROSI EPATICA
DIETA NELLA LITIASI BILIARE
DIETA NELLA MALATTIA CELIACA
DIETA NELLA MALATTIA DA REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO
DIETA NELLA MALATTIA DI CROHN
DIETA NELLA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON
DIETA NELLA PANCREATITE ACUTA
DIETA NELLA PANCREATITE CRONICA
DIETA NELLA RETTOCOLITE ULCEROSA
DIETA NELLA SUBOCCLUSIONE INTESTINALE
DIETA PER PAZIENTE STOMIZZATO
DIETA PER PAZIENTI OPERATI AL COLON
DIETA SEMILIQUIDA
Differenza tra atelettasia polmonare e pneumotorace
Differenza tra la sindrome di Boerhaave e sindrome di Mallory-Weiss
DILATAZIONE GASTRICA ACUTA
DISBIOSI-definizione di disbiosi
DISCINESIA BILIARE
DISPEPSIA
DISPNEA INSPIAGABILE A ESORDIO IMPROVVISO
DISTENSIONE ADDOMINALE-cause
DIVERTICOLITE ACUTA DEL COLON DESTRO-trattamento
DIVERTICOLITE ACUTA DEL COLON SINISTRO-trattamento
DIVERTICOLO DEL DUODENO ENDOLUMINALE O CONGENITO-altre anomalie con quali può essere associato
DIVERTICOLO DEL DUODENO ENDOLUMINALE O CONGENITO-dimensioni
DIVERTICOLO DEL DUODENO ENDOLUMINALE O CONGENITO-embriologia
DIVERTICOLO DEL DUODENO ENDOLUMINALE O CONGENITO-localizzazione
DIVERTICOLO DEL DUODENO ENDOLUMINALE O CONGENITO-sintomi
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-associazione con la comparsa di litiasi biliare
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-definizione
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-epidemiologia
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-la sede più frequente
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-quando il diverticolo si chiama giustapposto?
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-quando il diverticolo si chiama interposto?
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-sintomi
DIVERTICOLO DEL DUODENO-classificazione
DIVERTICOLO DEL DUODENO-clinica
DIVERTICOLO DEL DUODENO-definizione
DIVERTICOLO DEL DUODENO-diagnosi
DIVERTICOLO DEL DUODENO-incidenza
DIVERTICOLO DEL DUODENO-modalità del trattamento endoscopico
DIVERTICOLO DEL DUODENO-procedimenti diretti
DIVERTICOLO DEL DUODENO-procedimenti indiretti
DIVERTICOLO DEL DUODENO-trattamento chirurgico
DIVERTICOLO DEL DUODENO-trattamento conservativo
DIVERTICOLO DEL DUODENO-trattamento conservativo
DIVERTICOLO DEL DUODENO-trattamento radiologico-interventistico
DOLORE ADDOMINALE ACUTO-gravi cause mediche
DOLORE ADDOMINALE E SHOCK
DOLORE ADDOMINALE NON SPECIFICO (NSAP)
DOLORE ADDOMINALE-domande da fare al paziente
DOLORE ADDOMINALE-segni di allarme
DOLORE AL FIANCO DESTRO-cause
DOLORE AL FIANCO SINISTRO-cause
DOLORE ANO-RETTALE-CAUSE
DOLORE EPIGASTRICO-cause
DOLORE INGUINALE POST-OPERATORIO CRONICO
DOLORE NEL QUADRANTE INFERIORE DESTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE INFERIORE SINISTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE SUPERIORE DESTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE SUPERIORE SINISTRO-cause
DOLORE PELVICO ACUTO-indagini di approfondimento
DOLORE PELVICO ACUTO-segni di allarme
DOLORE PERIOMBELICALE-cause
DOLORE SOPRAPUBICO-cause
DOXACICLINA
ECCESO BASE (BE)
Eco-FAST
ECOGRAFIA TIROIDEA
ELASTOFIBROMA DORSI
EMANGIOMA EPATICO
EMATOMA DELLA PARETE ADDOMINALE
EMATURIA DI MEDIA ENTITA’-cause
EMATURIA INIZIALE-cause
EMATURIA MASSIVA-cause
EMATURIA MICROSCOPICA-cause
EMATURIA TERMINALE-cause
EMATURIA TOTALE-cause
EMATURIA-definizione
EMATURIA-elementi anamnestici da raccogliere
EMATURIA-promemoria delle cause
EMBOLIA CON INFARTO POLMONARE-clinica
EMBOLO PARADOSSO
EMBRIOLOGIA DELL’ALBERO BILIARE
EMBRIOLOGIA DELLA GHIANDOLA TIROIDE
EMBRIOLOGIA DELLE GHIANDOLE PARATIROIDE
EMODINAMICA-valutazione emodinamica del paziente
EMOLISI EXTRAVASCOLARE
EMOPERITONEO
EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI
EMORRAGIE GASTRO-INTESTINALI
EMORROIDI- esame obiettivo
EMORROIDI- eziologia delle emorroidi
Emorroidi-classificazione
EMORROIDI-clinica
Emorroidi-criticità della classificazione di Goligher per le emorroidi
EMORROIDI-epidemiologia
EMORROIDI-fisiopatologia
EMORROIDI-indagini diagnostiche
EMORROIDI-terapia medica
ENCEFALOPATIA-sintomi e segni clinici
ENCEFALOPATIA-sintomi e segni clinici
ENTERITE ATTINICA
ENZIMA DI CONVERSIONE DELL’ANGIOTENSINA AUMENTATA-cause
ENZIMI PANCREATICI
ERISIPELA
ERNIA CRURALE
ERNIA DI BOCHDALEK
ERNIA DI MORGAGNI-LARREY
ERNIA DI PETERSEN-definizione
Ernia di Spigelio (interstiziale)
ERNIA EPIGASTRICA
ERNIA INGUINALE
ERNIA INGUINALE DIRETTA
ERNIA INGUINALE OBLIQUA ESTERNA (INDIRETTA)
ERNIA INGUINALE OBLIQUA INTERNA
ERNIA INGUINALE-classificazione topografica
ERNIA INGUINALE-definizione
ERNIA INGUINALE-incidenza
ERNIA INGUINALE-uso delle cinture e mutande elastocompressive
ERNIA ISCHIATICA
ERNIA LOMBARE
ERNIA OMBELICALE
ERNIA OMBELICALE-perché i pazienti con cirrosi hanno più ernie ombelicali?
Ernia otturatoria
ERNIA PERINEALE
ERNIA-componenti dell’ernia
ERNIA-definizione dell’ernia
ERNIA-differenza dell’ernia con prolasso
ERNIA-meccanismi fisiopatologici che caratterizzano lo strozzamento
ERNIE DELLA PARETE ADDOMINALE
ERNIE DIAFRAMMATICHE CONGENITE
ERNIE-classificazione eziopatogenetico
ERNIE-classificazione topografica delle ernie
ERNIE-complicanze delle ernie
ERNIE-epidemiologia
ERTAPENEM
ESAME OBIETTIVO DEI LINFONODI
ESAME OBIETTIVO DEL COLLO E DELLA TIROIDE
ESAME OBIETTIVO DEL CUORE E VASI
ESAME OBIETTIVO DEL TORACE, POLMONI E MAMMELLE
ESAME OBIETTIVO DELL’ADDOME
ESAME OBIETTIVO DELLA BOCCA,DENTI E FARINGE
ESAME OBIETTIVO DELLA COLONNA VERTEBRALE
ESAME OBIETTIVO DELLA CUTE E SOTTOCUTE
ESAME OBIETTIVO DELLA POSTURA
ESAME OBIETTIVO DELLA TESTA
ESAME OBIETTIVO GENERALE
ESAME OBIETTIVO UROGENITALE (nel maschio)
ESAME OBIETTIVO-definizione
ESAMI DI LABORATORIO
ESPLORAZIONE DIGITO-RETTALE NEL MASCHIO
ESPLORAZIONE DIGITO-RETTALE NELLA FEMMINA
Febbre associata a diarrea-cause
Febbre associata a linfadenite-cause
Febbre associata a meningismo-cause
Febbre associata a sintomi di angina catarrale-cause
Febbre associata a splenomegalia-cause
Febbre associata ad artralgia e mialgia-cause
Febbre associata ad eruzioni cutanee-cause
Febbre associata ad ittero-cause
FEBBRE BIFASICA-cause
Febbre con eziologia non chiara-cause
FEBBRE CONTINUA-cause
FEBBRE INTERMITTENTE-cause
FEBBRE PERIODICA-cause
FEBBRE POST-OPERATORIO-cause possibili
FEBBRE REMITTENTE-cause
FEBBRE RICORRENTE-cause
FEBBRICOLA (< 38.5°C)-cause
FERITA CHIRURGICA-caratteristiche della guarigione per “prima intenzione”
FERITA CHIRURGICA-caratteristiche della guarigione per “seconda intenzione”
FERITA CHIRURGICA-caratteristiche della guarigione per “terza intenzione”
FERITA-Classificazione delle ferite basato nella pulizia
FERITA-definizione
FERITA-fasi di guarigione della ferita
FERITE ADDOMINALI DA ARMA BIANCA
FERITE ADDOMINALI DA ARMA DA FUOCO
FERITE E DIABETE
FERITE-TIPI DI FERITE
FIBROSI CISTICA
FILI DI SUTURA NON RIASSORBIBILI-materiali e nomi commerciali
FILI DI SUTURA RIASSORBIBILI-materiali e nomi commerciali
FILI DI SUTURA-classificazione dei fili di sutura
FILI RIASSORBIBILI-caratteristiche dei fili riassorbibili
FILI RIASSORBIBILI-fattori che influenzano riassorbimento
FILO DI SUTURA IDEALE-caratteristiche di un filo di sutura ideale
FILO DI SUTURA-caratteristiche principali di un filo di sutura
FINESTRA DUODENALE
FLORA BATTERICA INTESTINALE
FLUIDOTERAPIA-indicazioni per soluzione usato
FOSFATASI ACIDA AUMENTATA-cause
FOSFOMICINA
FRATTURE COSTALI-analgesia e igiene polmonare
FRATTURE COSTALI-anestesia regionale
FRATTURE COSTALI-assistenza ospedaliera iniziale
FRATTURE COSTALI-candidati per ulteriori imaging
FRATTURE COSTALI-classificazione e stratificazione del rischio
FRATTURE COSTALI-clinica
FRATTURE COSTALI-complicanze
FRATTURE COSTALI-controllo del dolore
FRATTURE COSTALI-diagnosi
FRATTURE COSTALI-ecografia al letto del paziente
FRATTURE COSTALI-imaging
FRATTURE COSTALI-informazioni per il paziente
FRATTURE COSTALI-infusione del catetere paravertebrale
FRATTURE COSTALI-infusione epidurale continua
FRATTURE COSTALI-infusione intrapleurica
FRATTURE COSTALI-lesioni associate
FRATTURE COSTALI-obiettivo del trattamento
FRATTURE COSTALI-radiografia del torace
FRATTURE COSTALI-risonanza magnetica
FRATTURE COSTALI-ritorno al lavoro e allo sport
FRATTURE COSTALI-scintigrafia ossea
FRATTURE COSTALI-tipi e meccanismi delle lesioni
FRATTURE COSTALI-tomografia computerizzata
FRATTURE COSTALI-trattamento ambulatoriale e follow up
FRATTURE COSTALI-trattamento chirurgico
FRATTURE COSTALI-trattamento dei pazienti con tre o più fratture costali
FRATTURE COSTALI-trattamento dei pazienti con una o due fratture costali
FRATTURE COSTALI-trattamento non farmacologico
FRATTURE COSTALI-valutazione iniziale
FRATTURE COSTALI-volet costale
Gamma-Glutamil-Transpeptidasi (GGT)
GASTRITE DA REFLUSSO BILIARE
GASTROPATIA DA IPERTENSIONE PORTALE-classificazione
GENTAMICINA
GESTIONE DELLA FERITA CHIRURGICA
GINECOMASTIA
GIST-(Gastrointestinal Stromal Tumor)
Gli errori più comuni nella terapia antibiotica
GLICOSURIA (presenza di glucosio nelle urine)
GONFIORE O FASTIDIO ALL’INGUINE-diagnosi differenziale
GOZZO
HDL (High Density Lipoproteins)
IDROCELE
ILEO PARALITICO POST-OPERATORIO
IMIPENEM
IMMEDIATO PERICOLO DI VITA-patologie da cercare
INFEZIONE DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE
INFEZIONI DEL PIEDE DIABETICO
INFEZIONI INTRA-ADDOMINALI
INFEZIONI NECROTIZZANTI DEI TESSUTI MOLLI-trattamento
INSTABILITA’ EMODINAMICA
INTUSSUSCEZIONE (INVAGINAZIONE) DEL COLON
IPERTENSIONE INTRA-ADDOMINALE (IAH)
IPOTIROIDISMO

Titolo
ACALASIA ESOFAGEA
ACANTHOSIS NIGRICANS
ACANTOCITOSI-cause
ACE(AngiotensinConvertingEnzyme)SIERICO
ACIDO FOLICO
Acido idrossindolacetico urinario (5-HIA)
ACIDO URICO SIERICO
ACIDO URICO URINARIO
ACIDO VANILMANDELICO URINARIO
ACIDOSI METABOLICA CON ANION GAP AUMENTATO-cause
ACINESIA
ACINO
ACKEE
ACLORIDRIA
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-da 0-9+lettere
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera A
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera B
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera C
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera D
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera E
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera F
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera G
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera H
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera I
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera J
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera K
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera L
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera M
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera N
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera O
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera P
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera R
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera S
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera T
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera U
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera V
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera W
ACTH plasmatico
ADDOME ACUTO-cause chirurgiche potenzialmente letale dell’addome acuto
ADDOME ACUTO-definizione
ADDOME ACUTO-quali patologie pensare per prima?
ADDOME APERTO
ADENOMA TOSSICO DELLA TIROIDE
ADRENALINA
AGEUSIA-cause
ALBUMINA PLASMATICA
ALBUMINA-uso dell’albumina nel paziente cirrotico
ALBUMINA-uso dell’albumina nel paziente non cirrotico
ALDOLASI
ALDOSTERONE PLASMATICO
AMIKACINA
AMILASI PANCREATICA
AMILASI SIERICA
AMILASI URINARIA
AMINOGLICOSIDI
AMMONIO NEL SIERO
AMOXICILLINA
AMOXICILLINA/ACIDO CLAVULANICO
AMPICILLINA
AMPICILLINA/SULBACTAM
ANAMNESI FAMILIARE-dati da raccogliere
ANAMNESI PATOLOGICA REMOTA-dati da raccogliere
ANAMNESI SOCIALE-dati da raccogliere
ANAMNESI-dati da raccogliere nell’anagrafe
ANATOMIA DELLA PARETE TORACICA
ANESTESIA LOCALE PER ERNIA INGUINALE
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE-prognosi
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-definizione
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-diagnosi differenziale
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-epidemiologia
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-esami di imaging
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-eziologia
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-fattori di rischio per la rottura
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-fattori di rischio per lo sviluppo dell’aneurisma
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-lo screening e monitoraggio
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-misure terapeutiche non farmacologiche
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-parametri da monitorare in un paziente con AAA in stato cronico
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-pazienti più a rischio di complicanze
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-quando e come trattare un aneurisma dell’aorta addominale in stato cronico
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-ruolo dei beta-bloccanti
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-sintomi e segni clinici 
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-test laboratorici
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-trattamento dello stato acuto
ANGINA DI LUDWIGS
ANGIOGRAFIA
Angiotensin-Converting-Enzyme (ACE)
ANGOLO STERNALE DI LOUIS
ANTIBIOTICI CONTROINDICATI IN GRAVIDANZA
ANTIBIOTICOTERAPIA-adeguamento della dosi e modalità di somministrazione nel caso di insufficienza renale
ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI
ANTICORPI ANTINUCLEO (ANA)
ANTIGENE PROSTATICO SPECIFICO (PSA)
Antineutrophil Cytoplasmatic Antibodies (ANCA)
ANTITROMBINA III
APOLIPOPROTEINE A e B sieriche
APPENDICE VERMIFORME
APPENDICECTOMIA-complicanze postoperatorie
APPENDICITE ACUTA NEGLI ANZIANI
APPENDICITE ACUTA NEI BAMBINI
APPENDICITE ACUTA NELLE DONNE IN GRAVIDANZA
APPENDICITE ACUTA-anatomia patologica
APPENDICITE ACUTA-complicanze
APPENDICITE ACUTA-dati laboratorici
APPENDICITE ACUTA-diagnosi
APPENDICITE ACUTA-diagnosi
APPENDICITE ACUTA-diagnosi differenziale
APPENDICITE ACUTA-drenaggio percutaneo ecoguidato
APPENDICITE ACUTA-esami di imaging
APPENDICITE ACUTA-patogenesi
APPENDICITE ACUTA-sintomi e segni clinici
APPENDICITE ACUTA-terapia antibiotica pre e post-operatoria
APPENDICITE ACUTA-trattamento chirurgico
APPENDICITE ACUTA-trattamento non operatorio
APTOGLOBINA
APTT (tempo di tromboplastina parziale attivata)
ASCESSO MAMMARIO
ASCESSO PERIANALE
ASFISSIA TRAUMATICA (sindrome di Perte)
ATELETTASIA POLMONARE
AZITROMICINA
AZOTO SIERICO
AZTREONAM
CAMBIAMENTI DELL’ ALVO-domande da fare al paziente
CANALE INGUINALE-anatomia
COLANGITE ACUTA-clinica
COLANGITE ACUTA-definizione
COLANGITE ACUTA-diagnosi
COLANGITE ACUTA-eziologia
COLANGITE ACUTA-fisiopatologia
COLANGITE ACUTA-gravità
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Qual è la tattica di asportazione endoscopica dei corpi estranei esofagee?
DEMENZA-differenza tra demenza e malattia di Alzheimer
DIASTASI DEI MUSCOLI RETTI DELL’ADDOME
DIETA NELL’EPATITE ACUTA
DIETA NELLA PANCREATITE ACUTA
Differenza tra atelettasia polmonare e pneumotorace
DISTENSIONE ADDOMINALE-cause
DIVERTICOLITE ACUTA DEL COLON DESTRO-trattamento
DIVERTICOLITE ACUTA DEL COLON SINISTRO-trattamento
DIVERTICOLO DEL DUODENO ENDOLUMINALE O CONGENITO-altre anomalie con quali può essere associato
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-associazione con la comparsa di litiasi biliare
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-definizione
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-epidemiologia
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-la sede più frequente
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-quando il diverticolo si chiama giustapposto?
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-quando il diverticolo si chiama interposto?
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-sintomi
DOLORE ANO-RETTALE-CAUSE
EMATOMA DELLA PARETE ADDOMINALE
EMATURIA-elementi anamnestici da raccogliere
EMBRIOLOGIA DELL’ALBERO BILIARE
ENTERITE ATTINICA
ENZIMA DI CONVERSIONE DELL’ANGIOTENSINA AUMENTATA-cause
ERNIE DELLA PARETE ADDOMINALE
ESAME OBIETTIVO DELL’ADDOME
Febbre associata a sintomi di angina catarrale-cause
Febbre associata ad artralgia e mialgia-cause
FERITE ADDOMINALI DA ARMA BIANCA
FERITE ADDOMINALI DA ARMA DA FUOCO
FOSFATASI ACIDA AUMENTATA-cause
FRATTURE COSTALI-analgesia e igiene polmonare
FRATTURE COSTALI-anestesia regionale
FRATTURE COSTALI-assistenza ospedaliera iniziale
Gli errori più comuni nella terapia antibiotica
LESIONE TRAUMATICA DELL’AORTA TORACICA
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- qual è il trattamento dell’ascesso che si crea dopo la perforazione?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-è consigliato l’uso dell’aspirina?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-è consigliato l’uso di antinfiammatori steroidei e corticosteroidei?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-qual è l’approccio iniziale?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quale antibiotico usare in un regime di trattamento ambulatoriale?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quali antibiotici usare in regime ospedaliero?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quali antidolorifici usare?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-sono necessari gli antibiotici nella malattia lieve e semplice?
MALATTIE DELL’ APPARATO RESPIRATORIO- strumenti diagnostici
METRONIDAZOLO-Assorbimento e metabolismo
METRONIDAZOLO-Avvertenze e precauzioni
MICROBIOMA-effetto dell’alcol sul microbioma
MILZA ACCESSORIA
PANCREATITE ACUTA-lipasi vs amilasi
PROFILASSI ANTITETANICA
SANGUINAMENTO UTERINO ANOMALO-definizione
SCATOLA ADDOMINALE-concetto,componenti e le funzioni 
SINDROME DELL’ANSA AFFERENTE
SINDROME DELL’ANSA CIECA
SINDROME DELL’ANSA ESCLUSA (Small Intestinal Bacterial Overgrowth)
TERAPIA ANTIBIOTICA-Best practice per la prescrizione di antimicrobici
TRAUMA ADDOMINALE
TRAUMA ADDOMINALE CHIUSO
TRAUMA ADDOMINALE PENETRANTE
TROMBOSI VENOSA PROFONDA DEGLI ARTI INFERIORI-diagnosi differenziale
TROPONINA-cause dell’aumento di valori della troponina
TUMORI-classificazioni dei tumori basati su nominativi degli autori

 

Titolo
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera C
ADDOME ACUTO-cause chirurgiche potenzialmente letale dell’addome acuto
ALBUMINA-uso dell’albumina nel paziente cirrotico
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-parametri da monitorare in un paziente con AAA in stato cronico
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-pazienti più a rischio di complicanze
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-quando e come trattare un aneurisma dell’aorta addominale in stato cronico
ANTIBIOTICI CONTROINDICATI IN GRAVIDANZA
APPENDICECTOMIA-complicanze postoperatorie
APPENDICITE ACUTA-complicanze
APPENDICITE ACUTA-trattamento chirurgico
BRADICARDIA-cause della bradicardia
CA 125 (cancro antigene 125)
CA 15-3 (cancro antigene 15-3)
CA 19-9 (gastrointestinal cancer associated antigen)
CALCEMIA (calcio sierico)
CALCIO URINARIO
CALCITONINA PLASMATICA
CALCOLI BILIARI-Da che cosa sono composti i calcoli biliari?
CALCOLI BILIARI-Perché si formano i calcoli biliari?
CALCOLI BILIARI-Quali sono i fattori di rischio per la formazione di calcoli biliari?
CALCOLI BILIARI-Quali sono i sintomi della calcolosi biliare?
CALCOLI BILIARI-Quanto è frequente la calcolosi biliare?
CALCOLI NEL CORPO UMANO
CALPROTECTINA FECALE
CAMBIAMENTI DEL PESO-domande da fare al paziente
CAMBIAMENTI DELL’ ALVO-domande da fare al paziente
CANALE INGUINALE-anatomia
CANCRO DEL COLON-differenza tra cancro del colon sinistro e destro
CANCRO ESOFAGEO-clinica
CANCRO ESOFAGEO-diagnosi
CANCRO ESOFAGEO-epidemiologia
CANCRO ESOFAGEO-forme istologiche
CANCRO ESOFAGEO-prognosi
CANCRO ESOFAGEO-stadiazione
CANCRO ESOFAGEO-trattamento
CARCINOMA DEL MONCONE GASTRICO
CARCINOMA PAPILLARE DELLA TIROIDE
CARCINOMA SPINOCELLULARE
CARCINOSI PERITONEALE
CATECOLAMINE PLASMATICHE
CATECOLAMINE URINARIE
CEA (antigene carcino-embrionario)
CEFALEXINA
CEFALOSPORINE
CEFALOSPORINE-classificazione delle cefalosporine
CEFAZOLINA
CEFEPIME
CEFIXOTINA
CEFOTAXIME
CEFPODOXIME
CEFTAZIDIME
CEFTRIAXONE
CEFUROXIME
CELLULITE
CELLULITE ORBITALE
CERULOPLASMINA
CHINOLONICI
CHIRURGIA ADDOMINALE D’URGENZA-regole di comportamento e decisione
CHIRURGIA-principi delle manovre chirurgiche
CICATRICE-definizione
CICATRICI-differenza tra cicatrizzazione ipertrofica e cheloide
CICATRIZZAZIONE-definizione
CICLOSPORIASI
CIPROFLOXACINA
CISTI CUTANEE EPIDERMOIDI
CLARITROMICINA
Classificazione delle vitamine
CLEARANCE DELLA CREATININA
CLINDAMICINA
CLORO NEL SIERO (cloremia)
CLORURI URINARI
COLANGIOGRAFIA-4 metodiche comuni di esecuzione
COLANGIOGRAFIA-Come differenziare il tipo della colangiografia nell’immagine radiologica?
COLANGITE ACUTA-clinica
COLANGITE ACUTA-definizione
COLANGITE ACUTA-diagnosi
COLANGITE ACUTA-eziologia
COLANGITE ACUTA-fisiopatologia
COLANGITE ACUTA-gravità
COLANGITE ACUTA-prognosi
COLANGITE ACUTA-trattamento
COLECISTI (cistifellea)
COLECISTITE ACUTA-Errori comuni nel periodo preoperatorio della colecistite acuta
COLECISTITE ACUTA-quali sono i passaggi essenziali nella valutazione del colecistite acuta?
COLECISTITE ACUTA-trattamento
COLESTEROLO
COLICA BILIARE-trattamento
COLITE ISCHEMICA
COLITE ULCEROSA-caratteristiche della biopsia
COLITE ULCEROSA-risultati endoscopici
COLITE ULCEROSA-risultati endoscopici
COLONSCOPIA-indicazioni e controindicazioni
Complemento totale e frazionato
CONTROLLO DELLA FONTE DI INFEZIONE (source control)
CONTUSIONE DEL CUORE
CONTUSIONE POLMONARE-percorso naturale
COPROCOLTURA IN PRONTO SOCCORSO
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)- E’ utile eseguire una RX nel caso di corpi estranei esofagei?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)- Qual è l’incidenza dell’ingestione dei corpi estranei?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Chi dovrebbe sottoporsi a un trattamento chirurgico e quali sono i tempi appropriati per l’intervento chirurgico nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-clinica ed esame obiettivo dell’ingestione del corpo estraneo?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-da cosa dipende l’impatto del corpo estraneo esofageo?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-È consigliato esame del transito con contrasto nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Endoscopia per corpi estranei esofagei deve essere fatta sotto anestesia?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Entro quanto tempo deve essere fatta endoscopia nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Qual è la tattica di asportazione endoscopica dei corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Quali sono le indicazioni per l’endoscopia nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Quali sono le procedure chirurgiche più appropriate nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Quando deve essere fatta la tomografia computerizzata (TAC) nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Quando usare endoscopia rigida nel caso dei corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Su cosa si basa la valutazione iniziale per corpi estranei esofagei?
CORTISOLO SIERICO
CREATINCHINASI TOTALE SIERICA
CREATINCHINASI-MB SIERICA(CK-MB)
CREATININA
CREATININA URINARIA
CRIOGLOBULINE
CRISI DI ASSENZE-definizione di crisi di assenze
CROMO SIERICO
CROSS-LINK URINARI
Crush syndrome (sindrome da schiacciamento)
CUORE POLMONARE ACUTO
DIETA NELL’EPATITE CRONICA
DIETA NELLA CIRROSI EPATICA
DIETA NELLA MALATTIA DI CROHN
DIETA NELLA PANCREATITE CRONICA
DIETA PER PAZIENTI OPERATI AL COLON
DIVERTICOLITE ACUTA DEL COLON DESTRO-trattamento
DIVERTICOLITE ACUTA DEL COLON SINISTRO-trattamento
DIVERTICOLO DEL DUODENO-classificazione
DIVERTICOLO DEL DUODENO-clinica
DOLORE ADDOMINALE ACUTO-gravi cause mediche
DOLORE AL FIANCO DESTRO-cause
DOLORE AL FIANCO SINISTRO-cause
DOLORE INGUINALE POST-OPERATORIO CRONICO
DOLORE NEL QUADRANTE INFERIORE DESTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE INFERIORE SINISTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE SUPERIORE DESTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE SUPERIORE SINISTRO-cause
DOLORE PERIOMBELICALE-cause
DOLORE SOPRAPUBICO-cause
EMATURIA-promemoria delle cause
EMBOLIA CON INFARTO POLMONARE-clinica
Emorroidi-classificazione
EMORROIDI-clinica
ERNIA CRURALE
ERNIA INGUINALE-classificazione topografica
ERNIA INGUINALE-uso delle cinture e mutande elastocompressive
ERNIA OMBELICALE-perché i pazienti con cirrosi hanno più ernie ombelicali?
ERNIA-componenti dell’ernia
ERNIE DIAFRAMMATICHE CONGENITE
ERNIE-classificazione eziopatogenetico
ERNIE-classificazione topografica delle ernie
ERNIE-complicanze delle ernie
ESAME OBIETTIVO DEL COLLO E DELLA TIROIDE
ESAME OBIETTIVO DEL CUORE E VASI
ESAME OBIETTIVO DELLA COLONNA VERTEBRALE
ESAME OBIETTIVO DELLA CUTE E SOTTOCUTE
Febbre associata a meningismo-cause
Febbre associata a sintomi di angina catarrale-cause
Febbre associata a splenomegalia-cause
Febbre associata ad artralgia e mialgia-cause
Febbre associata ad eruzioni cutanee-cause
Febbre associata ad ittero-cause
FEBBRE BIFASICA-cause
Febbre con eziologia non chiara-cause
FEBBRE CONTINUA-cause
FEBBRE INTERMITTENTE-cause
FEBBRE PERIODICA-cause
FEBBRE POST-OPERATORIO-cause possibili
FEBBRE REMITTENTE-cause
FEBBRE RICORRENTE-cause
FERITA-Classificazione delle ferite basato nella pulizia
FILO DI SUTURA IDEALE-caratteristiche di un filo di sutura ideale
FILO DI SUTURA-caratteristiche principali di un filo di sutura
FRATTURE COSTALI-candidati per ulteriori imaging
FRATTURE COSTALI-classificazione e stratificazione del rischio
FRATTURE COSTALI-clinica
FRATTURE COSTALI-complicanze
FRATTURE COSTALI-controllo del dolore
FRATTURE COSTALI-infusione del catetere paravertebrale
INFEZIONE DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE
INTUSSUSCEZIONE (INVAGINAZIONE) DEL COLON
ISCHEMIA MESENTERICA CRONICA
LESIONI TRACHEOBRONCHIALI NEL TRAUMA TORACICO CHIUSO
LESIONI TRAUMATICHE DEL COLON
MALATTIA DI CHAGAS (tripanosomiasi americana)
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- classificazione di Hinchey
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- in quali pazienti le complicanze possono essere più gravi?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-colectomia d’emergenza
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-complicanze della diverticolite
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON–si può usare il clistere con contrasto nella diagnosi?
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-complicanze
MASSE DEL COLLO
METRONIDAZOLO-categoria farmaceutica
METRONIDAZOLO-controindicazioni
MORBO DI CROHN-risultati endoscopici
OBESITA’-Comorbilità più comune associate ad obesità
OBESITA’-controindicazioni della chirurgia bariatrica
OCCLUSIONE COLICA DA ENDOMETRIOSI
Proteina C e proteina S coagulativa
PSEUDOEMATURIA-cause della pseudoematuria
REGIONE CRURALE
SINDROME CEREBELLARE ACUTA-segni clinici
SINDROME DA CARCINOIDE
SINDROME DEL COMPASSO AORTO-MESENTERICO
SINDROME POST-COLECISTECTOMIA
SINTOMI CARDIOVASCOLARI
SINTOMI LEGATI A PROBLEMI LOCALIZZATI AL COLLO
STENOSI ISCHEMICHE DEL COLON
STIPSI CRONICA
TRAUMA TORACICO CHIUSO-decisione per intervento chirurgico
TRAUMA TORACICO CHIUSO-importanza del numero delle coste rotte
TRAUMA TORACICO CHIUSO-lesioni prodotti in ordine di incidenza
TRAUMA TORACICO CHIUSO-necessità di intervento chirurgico urgente
TUMORI-classificazioni dei tumori basati su nominativi degli autori
VALUTAZIONE CLINICA DEL PAZIENTE
VITAMINA C
VOLVOLO DEL COLON
VOMITO-cause del vomito
VOMITO-cose da valutare
VOMITO-criteri di ricovero

Titolo
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera D
ADDOME ACUTO-definizione
ANAMNESI FAMILIARE-dati da raccogliere
ANAMNESI SOCIALE-dati da raccogliere
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-diagnosi differenziale
APPENDICITE ACUTA-diagnosi
APPENDICITE ACUTA-diagnosi
APPENDICITE ACUTA-diagnosi differenziale
APPENDICITE ACUTA-drenaggio percutaneo ecoguidato
BIOFILM-definizione
CANCRO DEL COLON-differenza tra cancro del colon sinistro e destro
CANCRO ESOFAGEO-diagnosi
CICATRICI-differenza tra cicatrizzazione ipertrofica e cheloide
COLANGITE ACUTA-definizione
COLANGITE ACUTA-diagnosi
DAPTOMICINA
DELIRIO IPERATTIVO-trattamento
DEMENZA-differenza tra demenza e malattia di Alzheimer
DIASTASI DEI MUSCOLI RETTI DELL’ADDOME
Dieta dopo la colecistectomia
DIETA DOPO RESEZIONE GASTRICA
DIETA IPOLIPIDICA
DIETA NEL SINDROME DELL’INTESTINO IRRITABILE
DIETA NELL’EPATITE ACUTA
DIETA NELL’EPATITE CRONICA
DIETA NELL’ULCERA GASTRODUODENALE
DIETA NELLA CIRROSI EPATICA
DIETA NELLA LITIASI BILIARE
DIETA NELLA MALATTIA CELIACA
DIETA NELLA MALATTIA DA REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO
DIETA NELLA MALATTIA DI CROHN
DIETA NELLA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON
DIETA NELLA PANCREATITE ACUTA
DIETA NELLA PANCREATITE CRONICA
DIETA NELLA RETTOCOLITE ULCEROSA
DIETA NELLA SUBOCCLUSIONE INTESTINALE
DIETA PER PAZIENTE STOMIZZATO
DIETA PER PAZIENTI OPERATI AL COLON
DIETA SEMILIQUIDA
Differenza tra la sindrome di Boerhaave e sindrome di Mallory-Weiss
DILATAZIONE GASTRICA ACUTA
DISBIOSI-definizione di disbiosi
DISCINESIA BILIARE
DISPEPSIA
DISPNEA INSPIAGABILE A ESORDIO IMPROVVISO
DISTENSIONE ADDOMINALE-cause
DIVERTICOLITE ACUTA DEL COLON DESTRO-trattamento
DIVERTICOLITE ACUTA DEL COLON SINISTRO-trattamento
DIVERTICOLO DEL DUODENO ENDOLUMINALE O CONGENITO-altre anomalie con quali può essere associato
DIVERTICOLO DEL DUODENO ENDOLUMINALE O CONGENITO-dimensioni
DIVERTICOLO DEL DUODENO ENDOLUMINALE O CONGENITO-embriologia
DIVERTICOLO DEL DUODENO ENDOLUMINALE O CONGENITO-localizzazione
DIVERTICOLO DEL DUODENO ENDOLUMINALE O CONGENITO-sintomi
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-associazione con la comparsa di litiasi biliare
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-definizione
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-epidemiologia
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-la sede più frequente
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-quando il diverticolo si chiama giustapposto?
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-quando il diverticolo si chiama interposto?
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-sintomi
DIVERTICOLO DEL DUODENO-classificazione
DIVERTICOLO DEL DUODENO-clinica
DIVERTICOLO DEL DUODENO-definizione
DIVERTICOLO DEL DUODENO-diagnosi
DIVERTICOLO DEL DUODENO-incidenza
DIVERTICOLO DEL DUODENO-modalità del trattamento endoscopico
DIVERTICOLO DEL DUODENO-procedimenti diretti
DIVERTICOLO DEL DUODENO-procedimenti indiretti
DIVERTICOLO DEL DUODENO-trattamento chirurgico
DIVERTICOLO DEL DUODENO-trattamento conservativo
DIVERTICOLO DEL DUODENO-trattamento conservativo
DIVERTICOLO DEL DUODENO-trattamento radiologico-interventistico
DOLORE ADDOMINALE ACUTO-gravi cause mediche
DOLORE ADDOMINALE E SHOCK
DOLORE ADDOMINALE NON SPECIFICO (NSAP)
DOLORE ADDOMINALE-domande da fare al paziente
DOLORE ADDOMINALE-segni di allarme
DOLORE AL FIANCO DESTRO-cause
DOLORE AL FIANCO SINISTRO-cause
DOLORE ANO-RETTALE-CAUSE
DOLORE EPIGASTRICO-cause
DOLORE INGUINALE POST-OPERATORIO CRONICO
DOLORE NEL QUADRANTE INFERIORE DESTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE INFERIORE SINISTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE SUPERIORE DESTRO-cause
DOLORE NEL QUADRANTE SUPERIORE SINISTRO-cause
DOLORE PELVICO ACUTO-indagini di approfondimento
DOLORE PELVICO ACUTO-segni di allarme
DOLORE PERIOMBELICALE-cause
DOLORE SOPRAPUBICO-cause
DOXACICLINA
EMATURIA-definizione
EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI
EMORROIDI-indagini diagnostiche
ERNIA DI PETERSEN-definizione
ERNIA INGUINALE DIRETTA
ERNIA INGUINALE-definizione
ERNIA-definizione dell’ernia
ERNIA-differenza dell’ernia con prolasso
ESAME OBIETTIVO DELLA BOCCA,DENTI E FARINGE
ESPLORAZIONE DIGITO-RETTALE NEL MASCHIO
ESPLORAZIONE DIGITO-RETTALE NELLA FEMMINA
Febbre associata a diarrea-cause
FERITA-definizione
FERITE E DIABETE
FINESTRA DUODENALE
FRATTURE COSTALI-controllo del dolore
FRATTURE COSTALI-diagnosi
LESIONE DI DIEULAFOY
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- Diverticolite, cos’è?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- Diverticolite, esame obiettivo e segni clinici
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- Dove si localizzano più frequentemente i diverticoli?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- Epidemiologia
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- fisiopatologia della diverticolite
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- La diverticolite può mimare altre condizioni?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- Perché si formano i diverticoli?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- sintomi della diverticolite
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-che dieta effettuare?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-come può essere gestita la diverticolite non complicata?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-come si pone la diagnosi?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-complicanze della diverticolite
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-cos’è la diverticolosi?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-cosa sono i diverticoli intestinali?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-diagnosi differenziale
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-diverticolite e rischio di neoplasia
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-endoscopia
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-il drenaggio percutaneo dell’ascesso comporta una maggiore recidiva?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-immaging
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quale esame ci permette di distinguere tra diverticolite semplice e complicata?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quali possono essere i dati della TC nella diagnosi?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quando si definisce diverticolite semplice e quando complicata?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON–quali esami di laboratorio sono utili nella diagnosi e che dati possono dare?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON–si può usare il clistere con contrasto nella diagnosi?
MALATTIA INFIAMMATORIA CRONICA INTESTINALE DIFFICILE DA TRATTARE
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE (IBD)-definizione
METRONIDAZOLO-dosaggio
OCCLUSIONI DEL DUODENO
PERITONISMO-definizione di peritonismo
PERITONITE-definizione e tipi
PNEUMOTORACE IPERTESO-definizione
SEPSI-definizione di sepsi
SINDROME DA DEFECAZIONE OSTRUITA (ODS)
TRAUMA TORACICO CHIUSO-decisione per intervento chirurgico
TROMBOSI VENOSA PROFONDA DEGLI ARTI INFERIORI-diagnosi differenziale
VOMITO-definizione

Titolo
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera E
ANESTESIA LOCALE PER ERNIA INGUINALE
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-epidemiologia
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-esami di imaging
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-eziologia
CANCRO ESOFAGEO-clinica
CANCRO ESOFAGEO-diagnosi
CANCRO ESOFAGEO-epidemiologia
CANCRO ESOFAGEO-forme istologiche
CANCRO ESOFAGEO-prognosi
CANCRO ESOFAGEO-stadiazione
CANCRO ESOFAGEO-trattamento
CISTI CUTANEE EPIDERMOIDI
COLANGIOGRAFIA-4 metodiche comuni di esecuzione
COLANGITE ACUTA-eziologia
COLECISTITE ACUTA-Errori comuni nel periodo preoperatorio della colecistite acuta
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)- E’ utile eseguire una RX nel caso di corpi estranei esofagei?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-clinica ed esame obiettivo dell’ingestione del corpo estraneo?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-da cosa dipende l’impatto del corpo estraneo esofageo?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-È consigliato esame del transito con contrasto nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Endoscopia per corpi estranei esofagei deve essere fatta sotto anestesia?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Entro quanto tempo deve essere fatta endoscopia nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Qual è la tattica di asportazione endoscopica dei corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Quali sono le indicazioni per l’endoscopia nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Quali sono le procedure chirurgiche più appropriate nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Quando deve essere fatta la tomografia computerizzata (TAC) nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Quando usare endoscopia rigida nel caso dei corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Su cosa si basa la valutazione iniziale per corpi estranei esofagei?
DIETA NELL’EPATITE ACUTA
DIETA NELL’EPATITE CRONICA
DISPNEA INSPIAGABILE A ESORDIO IMPROVVISO
DIVERTICOLO DEL DUODENO ENDOLUMINALE O CONGENITO-embriologia
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-epidemiologia
DOLORE EPIGASTRICO-cause
ECCESO BASE (BE)
Eco-FAST
ECOGRAFIA TIROIDEA
ELASTOFIBROMA DORSI
EMANGIOMA EPATICO
EMATOMA DELLA PARETE ADDOMINALE
EMATURIA DI MEDIA ENTITA’-cause
EMATURIA INIZIALE-cause
EMATURIA MASSIVA-cause
EMATURIA MICROSCOPICA-cause
EMATURIA TERMINALE-cause
EMATURIA TOTALE-cause
EMATURIA-definizione
EMATURIA-elementi anamnestici da raccogliere
EMATURIA-promemoria delle cause
EMBOLIA CON INFARTO POLMONARE-clinica
EMBOLO PARADOSSO
EMBRIOLOGIA DELL’ALBERO BILIARE
EMBRIOLOGIA DELLA GHIANDOLA TIROIDE
EMBRIOLOGIA DELLE GHIANDOLE PARATIROIDE
EMODINAMICA-valutazione emodinamica del paziente
EMOLISI EXTRAVASCOLARE
EMOPERITONEO
EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI
EMORRAGIE GASTRO-INTESTINALI
EMORROIDI- esame obiettivo
EMORROIDI- eziologia delle emorroidi
Emorroidi-classificazione
EMORROIDI-clinica
Emorroidi-criticità della classificazione di Goligher per le emorroidi
EMORROIDI-epidemiologia
EMORROIDI-fisiopatologia
EMORROIDI-indagini diagnostiche
EMORROIDI-terapia medica
ENCEFALOPATIA-sintomi e segni clinici
ENCEFALOPATIA-sintomi e segni clinici
ENTERITE ATTINICA
ENZIMA DI CONVERSIONE DELL’ANGIOTENSINA AUMENTATA-cause
ENZIMI PANCREATICI
ERISIPELA
ERNIA CRURALE
ERNIA DI BOCHDALEK
ERNIA DI MORGAGNI-LARREY
ERNIA DI PETERSEN-definizione
Ernia di Spigelio (interstiziale)
ERNIA EPIGASTRICA
ERNIA INGUINALE
ERNIA INGUINALE DIRETTA
ERNIA INGUINALE OBLIQUA ESTERNA (INDIRETTA)
ERNIA INGUINALE OBLIQUA INTERNA
ERNIA INGUINALE-classificazione topografica
ERNIA INGUINALE-definizione
ERNIA INGUINALE-incidenza
ERNIA INGUINALE-uso delle cinture e mutande elastocompressive
ERNIA ISCHIATICA
ERNIA LOMBARE
ERNIA OMBELICALE
ERNIA OMBELICALE-perché i pazienti con cirrosi hanno più ernie ombelicali?
Ernia otturatoria
ERNIA PERINEALE
ERNIA-componenti dell’ernia
ERNIA-definizione dell’ernia
ERNIA-differenza dell’ernia con prolasso
ERNIA-meccanismi fisiopatologici che caratterizzano lo strozzamento
ERNIE DELLA PARETE ADDOMINALE
ERNIE DIAFRAMMATICHE CONGENITE
ERNIE-classificazione eziopatogenetico
ERNIE-classificazione topografica delle ernie
ERNIE-complicanze delle ernie
ERNIE-epidemiologia
ERTAPENEM
ESAME OBIETTIVO DEI LINFONODI
ESAME OBIETTIVO DEL COLLO E DELLA TIROIDE
ESAME OBIETTIVO DEL CUORE E VASI
ESAME OBIETTIVO DEL TORACE, POLMONI E MAMMELLE
ESAME OBIETTIVO DELL’ADDOME
ESAME OBIETTIVO DELLA BOCCA,DENTI E FARINGE
ESAME OBIETTIVO DELLA COLONNA VERTEBRALE
ESAME OBIETTIVO DELLA CUTE E SOTTOCUTE
ESAME OBIETTIVO DELLA POSTURA
ESAME OBIETTIVO DELLA TESTA
ESAME OBIETTIVO GENERALE
ESAME OBIETTIVO UROGENITALE (nel maschio)
ESAMI DI LABORATORIO
ESPLORAZIONE DIGITO-RETTALE NEL MASCHIO
ESPLORAZIONE DIGITO-RETTALE NELLA FEMMINA
Febbre associata ad eruzioni cutanee-cause
FRATTURE COSTALI-ecografia al letto del paziente
FRATTURE COSTALI-infusione epidurale continua
INSTABILITA’ EMODINAMICA
LESIONI ESOFAGEE-eziologia
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-epidemiologia
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-esame digitale del retto
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- Diverticolite, esame obiettivo e segni clinici
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- Epidemiologia
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-endoscopia
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON–quali esami di laboratorio sono utili nella diagnosi e che dati possono dare?
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-epidemiologia
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-esami di imaging
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-esami di laboratorio
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-eziologia
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-manifestazioni extraintestinali
MALATTIE EPATOBILIARI-test epatici
METASTASI EPATICHE
METRONIDAZOLO-eccipienti importanti
METRONIDAZOLO-effetti indesiderati
MICROBIOMA-effetto dell’alcol sul microbioma
NUTRIZIONE ENTERALE-quando scegliere le enterostomie per nutrizione enterale?
OCCLUSIONE COLICA DA ENDOMETRIOSI
PERFORAZIONE DELL’ESOFAGO ADDOMINALE-tecnica chirurgica
PERFORAZIONE DELL’ESOFAGO CERVICALE-tecnica chirurgica
PERFORAZIONE DELL’ESOFAGO TORACICO-tecnica chirurgica
PERFORAZIONE ESOFAGEA-esami di imaging appropriati
PERFORAZIONE ESOFAGEA-esami di laboratorio appropriati
PERFORAZIONE ESOFAGEA-eziologia
PERFORAZIONE ESOFAGEA-il ruolo dell’endoscopia
PERFORAZIONE ESOFAGEA-indicazioni per il trattamento non chirurgico
PERFORAZIONE ESOFAGEA-procedure chirurgiche più appropriate nelle perforazioni esofagee
PERITONITE-epidemiologia
PNEUMOTORACE-ruolo dell’eco-FAST toracica
RESISTENZE OSMOTICHE ERITROCITARIE
TERAPIA SOSTITUTIVA DEL FERRO ENDOVENOSO
TRAUMA DELL’ESOFAGO-classificazione e cause del trauma
TRAUMA DELL’ESOFAGO-il ruolo dell’endoscopia diagnostica
TRAUMA DELL’ESOFAGO-il ruolo della chirurgia di controllo del danno
TRAUMA DELL’ESOFAGO-incidenza
TRAUMA DELL’ESOFAGO-indicazioni per un trattamento chirurgico immediato
TRAUMA DELL’ESOFAGO-iter diagnostico appropriato
TRAUMA DELL’ESOFAGO-le indicazioni per la gestione non operativa (NOM)
TRAUMA DELL’ESOFAGO-le procedure chirurgiche più appropriate
TRAUMA DELL’ESOFAGO-sintomi
TRAUMA-risposta endocrinometabolica ed immunologica ai traumi (REMIT)
VOMITO-elementi suggestivi di malattia
VOMITO-ipotesi diagnostici in relazione all’età del paziente

Titolo
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera F
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-fattori di rischio per la rottura
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-fattori di rischio per lo sviluppo dell’aneurisma
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-misure terapeutiche non farmacologiche
CALCOLI BILIARI-Quali sono i fattori di rischio per la formazione di calcoli biliari?
CANCRO ESOFAGEO-forme istologiche
COLANGITE ACUTA-fisiopatologia
CONTROLLO DELLA FONTE DI INFEZIONE (source control)
EMORROIDI-fisiopatologia
ESAME OBIETTIVO DELLA BOCCA,DENTI E FARINGE
Febbre associata a diarrea-cause
Febbre associata a linfadenite-cause
Febbre associata a meningismo-cause
Febbre associata a sintomi di angina catarrale-cause
Febbre associata a splenomegalia-cause
Febbre associata ad artralgia e mialgia-cause
Febbre associata ad eruzioni cutanee-cause
Febbre associata ad ittero-cause
FEBBRE BIFASICA-cause
Febbre con eziologia non chiara-cause
FEBBRE CONTINUA-cause
FEBBRE INTERMITTENTE-cause
FEBBRE PERIODICA-cause
FEBBRE POST-OPERATORIO-cause possibili
FEBBRE REMITTENTE-cause
FEBBRE RICORRENTE-cause
FEBBRICOLA (< 38.5°C)-cause
FERITA CHIRURGICA-caratteristiche della guarigione per “prima intenzione”
FERITA CHIRURGICA-caratteristiche della guarigione per “seconda intenzione”
FERITA CHIRURGICA-caratteristiche della guarigione per “terza intenzione”
FERITA-Classificazione delle ferite basato nella pulizia
FERITA-definizione
FERITA-fasi di guarigione della ferita
FERITE ADDOMINALI DA ARMA BIANCA
FERITE ADDOMINALI DA ARMA DA FUOCO
FERITE E DIABETE
FERITE-TIPI DI FERITE
FIBROSI CISTICA
FILI DI SUTURA NON RIASSORBIBILI-materiali e nomi commerciali
FILI DI SUTURA RIASSORBIBILI-materiali e nomi commerciali
FILI DI SUTURA-classificazione dei fili di sutura
FILI RIASSORBIBILI-caratteristiche dei fili riassorbibili
FILI RIASSORBIBILI-fattori che influenzano riassorbimento
FILO DI SUTURA IDEALE-caratteristiche di un filo di sutura ideale
FILO DI SUTURA-caratteristiche principali di un filo di sutura
FINESTRA DUODENALE
FLORA BATTERICA INTESTINALE
FLUIDOTERAPIA-indicazioni per soluzione usato
FOSFATASI ACIDA AUMENTATA-cause
FOSFOMICINA
FRATTURE COSTALI-analgesia e igiene polmonare
FRATTURE COSTALI-anestesia regionale
FRATTURE COSTALI-assistenza ospedaliera iniziale
FRATTURE COSTALI-candidati per ulteriori imaging
FRATTURE COSTALI-classificazione e stratificazione del rischio
FRATTURE COSTALI-clinica
FRATTURE COSTALI-complicanze
FRATTURE COSTALI-controllo del dolore
FRATTURE COSTALI-diagnosi
FRATTURE COSTALI-ecografia al letto del paziente
FRATTURE COSTALI-imaging
FRATTURE COSTALI-informazioni per il paziente
FRATTURE COSTALI-infusione del catetere paravertebrale
FRATTURE COSTALI-infusione epidurale continua
FRATTURE COSTALI-infusione intrapleurica
FRATTURE COSTALI-lesioni associate
FRATTURE COSTALI-obiettivo del trattamento
FRATTURE COSTALI-radiografia del torace
FRATTURE COSTALI-risonanza magnetica
FRATTURE COSTALI-ritorno al lavoro e allo sport
FRATTURE COSTALI-scintigrafia ossea
FRATTURE COSTALI-tipi e meccanismi delle lesioni
FRATTURE COSTALI-tomografia computerizzata
FRATTURE COSTALI-trattamento ambulatoriale e follow up
FRATTURE COSTALI-trattamento chirurgico
FRATTURE COSTALI-trattamento dei pazienti con tre o più fratture costali
FRATTURE COSTALI-trattamento dei pazienti con una o due fratture costali
FRATTURE COSTALI-trattamento non farmacologico
FRATTURE COSTALI-valutazione iniziale
FRATTURE COSTALI-volet costale
GESTIONE DELLA FERITA CHIRURGICA
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-fisiopatologia
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-le fistole diverticolari si chiudono spontaneamente?
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-fattori di rischio
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-fisiopatologia
METRONIDAZOLO-forme farmaceutiche
METRONIDAZOLO-interazioni con altri farmaci o bevande e cibi
PERITONITE -fisiopatologia
PNEUMOTORACE IPERTESO-fisiopatologia
PROCTALGIA FUGACE-tutto da sapere
SINTOMI PIU’ FREQUENTI CHE SI RISCONTRANO NELLA PRATICA CLINICA
TERAPIA SOSTITUTIVA DEL FERRO ENDOVENOSO
TIREOPATIE E FARMACI
TRIANGOLO DI SCARPA (triangolo femorale)
VOMITO-fisiopatologia

Titolo
17 idrossicorticosteroidi urinari
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-da 0-9+lettere
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera A
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera B
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera C
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera D
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera E
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera F
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera G
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera H
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera I
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera J
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera K
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera L
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera M
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera N
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera O
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera P
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera R
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera S
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera T
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera U
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera V
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera W
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-esami di imaging
APPENDICITE ACUTA-esami di imaging
COLANGIOGRAFIA-Come differenziare il tipo della colangiografia nell’immagine radiologica?
COLITE ISCHEMICA
COLONSCOPIA-indicazioni e controindicazioni
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)- Qual è l’incidenza dell’ingestione dei corpi estranei?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-da cosa dipende l’impatto del corpo estraneo esofageo?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Quali sono le indicazioni per l’endoscopia nel caso di corpi estranei esofagee?
DIETA IPOLIPIDICA
DIETA NEL SINDROME DELL’INTESTINO IRRITABILE
DIETA NELLA SUBOCCLUSIONE INTESTINALE
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-quando il diverticolo si chiama interposto?
DIVERTICOLO DEL DUODENO-incidenza
DOLORE INGUINALE POST-OPERATORIO CRONICO
DOLORE PELVICO ACUTO-indagini di approfondimento
EMATURIA INIZIALE-cause
EMBOLIA CON INFARTO POLMONARE-clinica
EMORRAGIE GASTRO-INTESTINALI
EMORROIDI-indagini diagnostiche
ERNIA INGUINALE OBLIQUA INTERNA
ERNIA INGUINALE-classificazione topografica
ERNIA INGUINALE-incidenza
ERNIA ISCHIATICA
Febbre associata ad ittero-cause
FLORA BATTERICA INTESTINALE
FLUIDOTERAPIA-indicazioni per soluzione usato
FRATTURE COSTALI-analgesia e igiene polmonare
FRATTURE COSTALI-candidati per ulteriori imaging
FRATTURE COSTALI-imaging
FRATTURE COSTALI-informazioni per il paziente
FRATTURE COSTALI-infusione del catetere paravertebrale
FRATTURE COSTALI-infusione epidurale continua
FRATTURE COSTALI-infusione intrapleurica
GASTROPATIA DA IPERTENSIONE PORTALE-classificazione
GONFIORE O FASTIDIO ALL’INGUINE-diagnosi differenziale
IDROCELE
ILEO PARALITICO POST-OPERATORIO
IMIPENEM
IMMEDIATO PERICOLO DI VITA-patologie da cercare
INFEZIONE DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE
INFEZIONI DEL PIEDE DIABETICO
INFEZIONI INTRA-ADDOMINALI
INFEZIONI NECROTIZZANTI DEI TESSUTI MOLLI-trattamento
INSTABILITA’ EMODINAMICA
INTUSSUSCEZIONE (INVAGINAZIONE) DEL COLON
IPERTENSIONE INTRA-ADDOMINALE (IAH)
IPOTIROIDISMO
ISCHEMIA MESENTERICA CRONICA
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-immagini radiologici
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-immaging
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quando eseguire l’ intervento chirurgico?
METRONIDAZOLO-indicazioni
METRONIDAZOLO-interazioni con altri farmaci o bevande e cibi
NEOPLASIA DELL’INTESTINO TENUE
NUTRIZIONE PARENTERALE-la nutrizione parenterale precoce riduce le infezioni dopo un intervento chirurgico addominale maggiore 
PAZIENTI IMMUNOCOMPROMESSI-definizione
PERFORAZIONE DELL’INTESTINO TENUE-trattamento
PERFORAZIONE ESOFAGEA-esami di imaging appropriati
PNEUMOTORACE IATROGENO
PORPORA TROMBOCITOPENICA IMMUNE
PRESSIONE INTRA-ADDOMINALE
PROFILASSI IN ESAMI RADIOLOGICI CON MEZZO DI CONTRASTO IN CORSO D’INSUFFICIENZA RENALE
SEPSI INTRA-ADDOMINALE
SEPSI INTRA-ADDOMINALE COMPLICATA GRAVE(SCIAS)-definizione
SINGHIOZZO INCOERCIBILE
SPLENOMEGALIA E IPERSPLENISMO
TIREOTOSSICOSI e IPERTIROIDISMO
TRAUMA DELL’ESOFAGO-incidenza
TRAUMA DELL’ESOFAGO-iter diagnostico appropriato
TRAUMA TORACICO CHIUSO-condizioni a immediato rischio per sopravvivenza
TRAUMA TORACICO CHIUSO-decisione per intervento chirurgico
TRAUMA TORACICO CHIUSO-importanza del numero delle coste rotte
TRAUMA TORACICO CHIUSO-necessità di intervento chirurgico urgente
TRAUMA-risposta endocrinometabolica ed immunologica ai traumi (REMIT)
TUMORI CHE METASTATIZZANO NEI LINFONODI INGUINALI
VOMITO-ipotesi diagnostici di particolare gravità
VOMITO-ipotesi diagnostici in relazione all’età del paziente

Titolo
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera L
ADDOME ACUTO-cause chirurgiche potenzialmente letale dell’addome acuto
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-test laboratorici
ANGINA DI LUDWIGS
ANGOLO STERNALE DI LOUIS
APPENDICITE ACUTA-dati laboratorici
DIETA NELLA LITIASI BILIARE
DIVERTICOLO DEL DUODENO ENDOLUMINALE O CONGENITO-localizzazione
ERNIA LOMBARE
ESAME OBIETTIVO DEI LINFONODI
Febbre associata a linfadenite-cause
FRATTURE COSTALI-ecografia al letto del paziente
FRATTURE COSTALI-lesioni associate
LASSATIVI-CLASSE DEI LASSATIVI E ALTRE MOLECOLE CON EFFETTO LASSATIVO
LDL (Low Density Lipoprotein)
LESIONE DI DIEULAFOY
LESIONE TRAUMATICA DELL’AORTA TORACICA
LESIONI ESOFAGEE-eziologia
LESIONI TRACHEOBRONCHIALI NEL TRAUMA TORACICO CHIUSO
LESIONI TRAUMATICHE DEL COLON
LESIONI TRAUMATICHE DEL RETTO
LESIONI TRAUMATICHE DELLA MILZA-classificazione delle lesioni spleniche (IOS/ASST)
LESIONI TRAUMATICHE DELLA MILZA-trattamento
LEVOFLOXACINA
LINECOZID
LINFADENITE MESENTERICA ACUTA
LINFOADENOPATIA
LINFOADENOPATIA INGUINALE
LIPASI
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-lavaggio rettale
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- Dove si localizzano più frequentemente i diverticoli?
METRONIDAZOLO-uso durante lattazione
PANCREATITE ACUTA-lipasi vs amilasi
PERFORAZIONE ESOFAGEA-esami di laboratorio appropriati
SEPSI-lattato sierico nella sepsi
SINDROME DA RIVASCOLARIZZAZIONE (sindrome di Letac)
SINDROME DEL LOBO MEDIO
SINDROME DI LEMMEL
SINDROME DI LERICHE
SINDROME DI LYNCH
TRAUMA TORACICO CHIUSO-lesioni prodotti in ordine di incidenza
TUMORI CHE METASTATIZZANO NEI LINFONODI INGUINALI

Titolo
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera M
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-lo screening e monitoraggio
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-misure terapeutiche non farmacologiche
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-parametri da monitorare in un paziente con AAA in stato cronico
ASCESSO MAMMARIO
CARCINOMA DEL MONCONE GASTRICO
CHIRURGIA-principi delle manovre chirurgiche
DIASTASI DEI MUSCOLI RETTI DELL’ADDOME
DIETA NELLA MALATTIA DA REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO
DIETA NELLA MALATTIA DI CROHN
Differenza tra la sindrome di Boerhaave e sindrome di Mallory-Weiss
EMATURIA MASSIVA-cause
EMATURIA MICROSCOPICA-cause
ERNIA DI MORGAGNI-LARREY
ERNIA INGUINALE-uso delle cinture e mutande elastocompressive
ERNIA-meccanismi fisiopatologici che caratterizzano lo strozzamento
ESAME OBIETTIVO DEL TORACE, POLMONI E MAMMELLE
Febbre associata a meningismo-cause
Febbre associata ad artralgia e mialgia-cause
FRATTURE COSTALI-tipi e meccanismi delle lesioni
ISCHEMIA MESENTERICA CRONICA
LESIONI TRAUMATICHE DELLA MILZA-classificazione delle lesioni spleniche (IOS/ASST)
LESIONI TRAUMATICHE DELLA MILZA-trattamento
LINFADENITE MESENTERICA ACUTA
MACROLIDI
MALASSORBIMENTO POST-GASTRECTOMIA
MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO (GERD)
MALATTIA DI CHAGAS (tripanosomiasi americana)
MALATTIA DI CROHN-risultati endoscopici
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-biopsia rettale
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-epidemiologia
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-esame digitale del retto
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-fisiopatologia
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-immagini radiologici
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-lavaggio rettale
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-manometria anorettale
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-segni e sintomi
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-trattamento
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- classificazione di Hinchey
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- Cosa sono gli pseudo-diverticoli?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- Diverticolite, cos’è?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- Diverticolite, esame obiettivo e segni clinici
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- Dove si localizzano più frequentemente i diverticoli?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- Epidemiologia
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- fisiopatologia della diverticolite
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- in quali pazienti le complicanze possono essere più gravi?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- La diverticolite può mimare altre condizioni?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- Perché si formano i diverticoli?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- qual è il trattamento dell’ascesso che si crea dopo la perforazione?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- sintomi della diverticolite
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-che dieta effettuare?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-colectomia d’emergenza
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-come devono essere rivalutati i pazienti trattati con successo con la terapia medica?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-come può essere gestita la diverticolite non complicata?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-come si pone la diagnosi?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-complicanze della diverticolite
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-cos’è la diverticolosi?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-cosa sono i diverticoli intestinali?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-da cosa dipende la gestione del paziente?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-diagnosi differenziale
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-diverticolite e rischio di neoplasia
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-è consigliato l’uso dell’aspirina?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-è consigliato l’uso di antinfiammatori steroidei e corticosteroidei?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-endoscopia
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-il drenaggio percutaneo dell’ascesso comporta una maggiore recidiva?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-immaging
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-in cosa consiste un regime di trattamento ambulatoriale?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-le fistole diverticolari si chiudono spontaneamente?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-prognosi
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-qual è il trattamento nel caso di ostruzione?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-qual è l’approccio iniziale?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quale antibiotico usare in un regime di trattamento ambulatoriale?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quale esame ci permette di distinguere tra diverticolite semplice e complicata?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quali antibiotici usare in regime ospedaliero?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quali antidolorifici usare?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quali pazienti possono iniziare un regime di trattamento ambulatoriale?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quali possono essere i dati della TC nella diagnosi?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quando eseguire l’ intervento chirurgico?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quando ricoverare un paziente?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quando si definisce diverticolite semplice e quando complicata?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-radiografia addominale
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-sono necessari gli antibiotici nella malattia lieve e semplice?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-trattamento ospedaliero
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON–quali esami di laboratorio sono utili nella diagnosi e che dati possono dare?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON–si può usare il clistere con contrasto nella diagnosi?
MALATTIA GASTROINTESTINALE EOSINOFILICA
MALATTIA INFIAMMATORIA CRONICA INTESTINALE DIFFICILE DA TRATTARE
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE (IBD)-definizione
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-complicanze
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-epidemiologia
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-esami di imaging
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-esami di laboratorio
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-eziologia
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-fattori di rischio
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-fisiopatologia
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-manifestazioni extraintestinali
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-segni e sintomi
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-trattamento
MALATTIE DELL’ APPARATO RESPIRATORIO- strumenti diagnostici
MALATTIE EPATOBILIARI-test epatici
MASSE DEL COLLO
MEGACOLON TOSSICO
MEROPENEM
METASTASI EPATICHE
METRONIDAZOLO-Assorbimento e metabolismo
METRONIDAZOLO-Avvertenze e precauzioni
METRONIDAZOLO-categoria farmaceutica
METRONIDAZOLO-controindicazioni
METRONIDAZOLO-dosaggio
METRONIDAZOLO-eccipienti importanti
METRONIDAZOLO-effetti indesiderati
METRONIDAZOLO-forme farmaceutiche
METRONIDAZOLO-Guida di veicoli e utilizzo di macchinari
METRONIDAZOLO-indicazioni
METRONIDAZOLO-interazioni con altri farmaci o bevande e cibi
METRONIDAZOLO-meccanismo di azione
METRONIDAZOLO-uso durante lattazione
METRONIDAZOLO-uso in gravidanza
MEZZO DI CONTRASTO
MICROBIOMA UMANO
MICROBIOMA-effetto dell’alcol sul microbioma
MILZA ACCESSORIA
MIXEDEMA PRETIBIALE
MORBO DI CROHN-risultati endoscopici
MOXIFLOXACINA
POLIPOSI ASSOCIATA A MUTYH
SINDROME DI MALLORY-WEISS
SINDROME DI MIRIZZI
SISTEMA RENINA-ANGIOTENSINA-meccanismo fisiologico del sistema renina-angiotensina
TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA-indicazioni all’uso del mezzo di contrasto
TUMORE DELLA MAMMELLA
TUMORI CHE METASTATIZZANO NEI LINFONODI INGUINALI
UNITÀ PRINCIPALI DI MISURA
VOMITO-elementi suggestivi di malattia

Titolo
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera P
ADDOME ACUTO-cause chirurgiche potenzialmente letale dell’addome acuto
ADDOME ACUTO-quali patologie pensare per prima?
ALBUMINA-uso dell’albumina nel paziente cirrotico
ALBUMINA-uso dell’albumina nel paziente non cirrotico
ANATOMIA DELLA PARETE TORACICA
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE-prognosi
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-parametri da monitorare in un paziente con AAA in stato cronico
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-pazienti più a rischio di complicanze
APPENDICECTOMIA-complicanze postoperatorie
APPENDICITE ACUTA-patogenesi
ASCESSO PERIANALE
ASFISSIA TRAUMATICA (sindrome di Perte)
ATELETTASIA POLMONARE
CAMBIAMENTI DEL PESO-domande da fare al paziente
CATECOLAMINE PLASMATICHE
CHIRURGIA-principi delle manovre chirurgiche
COLECISTITE ACUTA-Errori comuni nel periodo preoperatorio della colecistite acuta
COLECISTITE ACUTA-quali sono i passaggi essenziali nella valutazione del colecistite acuta?
CONTUSIONE POLMONARE-percorso naturale
COPROCOLTURA IN PRONTO SOCCORSO
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Quali sono le procedure chirurgiche più appropriate nel caso di corpi estranei esofagee?
DIETA NELLA PANCREATITE ACUTA
DIETA NELLA PANCREATITE CRONICA
DIETA PER PAZIENTE STOMIZZATO
DIETA PER PAZIENTI OPERATI AL COLON
Differenza tra atelettasia polmonare e pneumotorace
DIVERTICOLO DEL DUODENO-procedimenti diretti
DIVERTICOLO DEL DUODENO-procedimenti indiretti
DOLORE ADDOMINALE-domande da fare al paziente
DOLORE PELVICO ACUTO-segni di allarme
EMATOMA DELLA PARETE ADDOMINALE
EMBOLO PARADOSSO
EMBRIOLOGIA DELLE GHIANDOLE PARATIROIDE
EMODINAMICA-valutazione emodinamica del paziente
ENZIMI PANCREATICI
ERNIA DI PETERSEN-definizione
ERNIA OMBELICALE-perché i pazienti con cirrosi hanno più ernie ombelicali?
ERNIA PERINEALE
ERNIA-differenza dell’ernia con prolasso
ERNIE DELLA PARETE ADDOMINALE
ESAME OBIETTIVO DEL TORACE, POLMONI E MAMMELLE
ESAME OBIETTIVO DELLA POSTURA
FERITA-Classificazione delle ferite basato nella pulizia
FRATTURE COSTALI-ecografia al letto del paziente
FRATTURE COSTALI-informazioni per il paziente
FRATTURE COSTALI-trattamento dei pazienti con tre o più fratture costali
FRATTURE COSTALI-trattamento dei pazienti con una o due fratture costali
ILEO PARALITICO POST-OPERATORIO
IMMEDIATO PERICOLO DI VITA-patologie da cercare
INFEZIONI DEL PIEDE DIABETICO
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- Cosa sono gli pseudo-diverticoli?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-prognosi
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quali pazienti possono iniziare un regime di trattamento ambulatoriale?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quando ricoverare un paziente?
METRONIDAZOLO-Avvertenze e precauzioni
MIXEDEMA PRETIBIALE
NUTRIZIONE ENTERALE-principio della nutrizione enterale
NUTRIZIONE PARENTERALE-principio della nutrizione parenterale
OSMOLARITÀ PLASMATICA
PANCREATITE ACUTA-lipasi vs amilasi
PARATORMONE SIERICO (PTH)
PARATORMONE SIERICO (PTH)
PARETE ADDOMINALE-quali sono i punti deboli localizzati sulla parete addominale?
PAZIENTE CHIRURGICO-risposta infiammatoria nel paziente chirurgico
PAZIENTI IMMUNOCOMPROMESSI-definizione
pCO2 nel sangue
PENICILLINE
PERDITE VAGINALI-le domande da porre alla paziente
PERDITE VAGINALI-segni di allarme
PERFORAZIONE DELL’INTESTINO TENUE-trattamento
PERFORAZIONE DELL’ESOFAGO ADDOMINALE-tecnica chirurgica
PERFORAZIONE DELL’ESOFAGO CERVICALE-tecnica chirurgica
PERFORAZIONE DELL’ESOFAGO TORACICO-tecnica chirurgica
PERFORAZIONE ESOFAGEA-esami di imaging appropriati
PERFORAZIONE ESOFAGEA-esami di laboratorio appropriati
PERFORAZIONE ESOFAGEA-eziologia
PERFORAZIONE ESOFAGEA-il ruolo dell’endoscopia
PERFORAZIONE ESOFAGEA-indicazioni per il trattamento non chirurgico
PERFORAZIONE ESOFAGEA-procedure chirurgiche più appropriate nelle perforazioni esofagee
PERFORAZIONE INTESTINALE POST-TRAUMATICA-trattamento
PERITONISMO-definizione di peritonismo
PERITONITE -fisiopatologia
PERITONITE GENERALIZZATA (DIFFUSA)-quadro clinico e trattamento
PERITONITE LOCALIZZATA-quadro clinico e trattamento
PERITONITE POSTOPERATORIA-trattamento
PERITONITE-definizione e tipi
PERITONITE-epidemiologia
PERITONITE-terapia
pH del sangue
PIASTRINE (trombociti)
PIPERACILLINA/TAZOBACTAM
PLASMINOGENO
PNEUMOTORACE
PNEUMOTORACE IATROGENO
PNEUMOTORACE IPERTESO-definizione
PNEUMOTORACE IPERTESO-fisiopatologia
PNEUMOTORACE IPERTESO-segni clinici
PNEUMOTORACE IPERTESO-trattamento
PNEUMOTORACE NON TRAUMATICA
PNEUMOTORACE SPONTANEO
PNEUMOTORACE-ruolo dell’eco-FAST toracica
POLIPI INTESTINALI-classificazione
POLIPOSI ADENOMATOSA FAMILIARE
POLIPOSI ADENOMATOSA FAMILIARE ATTENUATO
POLIPOSI ASSOCIATA A MUTYH
PORPORA TROMBOCITOPENICA IMMUNE
POTASSIO NEL SANGUE (potassiemia)
POTASSIO URINARIO
PREALBUMINA
PRESSIONE INTRA-ADDOMINALE
PROCTALGIA FUGACE-tutto da sapere
PROFILASSI ANTITETANICA
PROFILASSI IN ESAMI RADIOLOGICI CON MEZZO DI CONTRASTO IN CORSO D’INSUFFICIENZA RENALE
PROGESTERONE PLASMATICO
PROLATTINA PLASMATICA
Proteina C e proteina S coagulativa
PROTEINA C REATTIVA (PCR)
Proteina di Bence Jones
PROTEINE DEL PLASMA
PROTEINE TOTALI SIERICHE
PRULIFLOXACINA
PSEUDOCOLINESTERASI
PSEUDOEMATURIA-cause della pseudoematuria
PT (tempo di protrombina)
Reticolociti nel sangue periferico
SINDROME DI PEUTZ-JEGHERS
SINDROME DI POLIPOSI GIOVANILE
SINTOMI PIU’ FREQUENTI CHE SI RISCONTRANO NELLA PRATICA CLINICA
TRAUMA DELL’ESOFAGO-le procedure chirurgiche più appropriate
Triangolo di Petit
TUMORI DELLA PARETE TORACICA
ULCERA GASTRODUODENALE PERFORATA-trattamento
ULCERA PEPTICA
VALUTAZIONE CLINICA DEL PAZIENTE

Titolo
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera R
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-fattori di rischio per la rottura
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-fattori di rischio per lo sviluppo dell’aneurisma
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-pazienti più a rischio di complicanze
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-ruolo dei beta-bloccanti
COLITE ULCEROSA-risultati endoscopici
COLITE ULCEROSA-risultati endoscopici
DIETA DOPO RESEZIONE GASTRICA
DIETA NELLA MALATTIA DA REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO
DIETA NELLA RETTOCOLITE ULCEROSA
DOLORE ANO-RETTALE-CAUSE
FILI RIASSORBIBILI-caratteristiche dei fili riassorbibili
FILI RIASSORBIBILI-fattori che influenzano riassorbimento
FRATTURE COSTALI-classificazione e stratificazione del rischio
FRATTURE COSTALI-radiografia del torace
FRATTURE COSTALI-risonanza magnetica
FRATTURE COSTALI-ritorno al lavoro e allo sport
GASTRITE DA REFLUSSO BILIARE
LESIONI TRAUMATICHE DEL RETTO
MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO (GERD)
MALATTIA DI CROHN-risultati endoscopici
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-diverticolite e rischio di neoplasia
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-il drenaggio percutaneo dell’ascesso comporta una maggiore recidiva?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quali antibiotici usare in regime ospedaliero?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quando ricoverare un paziente?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-radiografia addominale
MORBO DI CROHN-risultati endoscopici
PAZIENTE CHIRURGICO-risposta infiammatoria nel paziente chirurgico
PROFILASSI IN ESAMI RADIOLOGICI CON MEZZO DI CONTRASTO IN CORSO D’INSUFFICIENZA RENALE
PROTEINA C REATTIVA (PCR)
RAGADE ANALE-trattamento conservativo
RAME SIERICO
REAZIONE DI WAALER-ROSE
REAZIONE DI WAIL-FELIX
REAZIONE DI WIDAL
REAZIONE DI WRIGHT
Red Cell Distribution Width (RDW)
REGIONE CRURALE
RESISTENZE OSMOTICHE ERITROCITARIE
Reticolociti nel sangue periferico
RIFAMPICINA
RISONANZA MAGNETICA-controindicazioni
SINDROME DA RIVASCOLARIZZAZIONE (sindrome di Letac)
SINTOMI RESPIRATORI
SINTOMI-rivelazione dei sintomi 
SISTEMA RENINA-ANGIOTENSINA-meccanismo fisiologico del sistema renina-angiotensina
TRAUMA TORACICO CHIUSO-condizioni a immediato rischio per sopravvivenza
TRAUMA-risposta endocrinometabolica ed immunologica ai traumi (REMIT)
TUMORI NEUROENDOCRINI DEL RETTO
ULCERA RECIDIVA POST-GASTRECTOMIA
ULCERA SOLITARIA DEL RETTO-tutto da sapere
VOMITO-criteri di ricovero

Titolo
ACE(AngiotensinConvertingEnzyme)SIERICO
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera S
AMPICILLINA/SULBACTAM
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-fattori di rischio per lo sviluppo dell’aneurisma
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-lo screening e monitoraggio
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-sintomi e segni clinici 
APPENDICITE ACUTA-sintomi e segni clinici
ASFISSIA TRAUMATICA (sindrome di Perte)
BRADICARDIA SINTOMATICA
CANCRO DEL COLON-differenza tra cancro del colon sinistro e destro
CANCRO ESOFAGEO-stadiazione
CARCINOMA SPINOCELLULARE
CLORO NEL SIERO (cloremia)
CONTROLLO DELLA FONTE DI INFEZIONE (source control)
CORTISOLO SIERICO
CREATINCHINASI TOTALE SIERICA
CROMO SIERICO
Crush syndrome (sindrome da schiacciamento)
DIETA NEL SINDROME DELL’INTESTINO IRRITABILE
DIETA NELLA SUBOCCLUSIONE INTESTINALE
DIETA PER PAZIENTE STOMIZZATO
DIETA SEMILIQUIDA
Differenza tra la sindrome di Boerhaave e sindrome di Mallory-Weiss
DIVERTICOLITE ACUTA DEL COLON SINISTRO-trattamento
DIVERTICOLO DEL DUODENO ENDOLUMINALE O CONGENITO-sintomi
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-la sede più frequente
DIVERTICOLO DEL DUODENO EXTRALUMINALE O ACQUISITO-sintomi
DOLORE ADDOMINALE E SHOCK
DOLORE ADDOMINALE-segni di allarme
ENCEFALOPATIA-sintomi e segni clinici
Ernia di Spigelio (interstiziale)
ERNIA-meccanismi fisiopatologici che caratterizzano lo strozzamento
ESAME OBIETTIVO DELLA CUTE E SOTTOCUTE
Febbre associata a splenomegalia-cause
FILI DI SUTURA NON RIASSORBIBILI-materiali e nomi commerciali
FILI DI SUTURA RIASSORBIBILI-materiali e nomi commerciali
FILI DI SUTURA-classificazione dei fili di sutura
FILO DI SUTURA IDEALE-caratteristiche di un filo di sutura ideale
FILO DI SUTURA-caratteristiche principali di un filo di sutura
FLUIDOTERAPIA-indicazioni per soluzione usato
FRATTURE COSTALI-classificazione e stratificazione del rischio
FRATTURE COSTALI-ritorno al lavoro e allo sport
FRATTURE COSTALI-scintigrafia ossea
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-segni e sintomi
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- sintomi della diverticolite
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-segni e sintomi
MALATTIE DELL’ APPARATO RESPIRATORIO- strumenti diagnostici
NUTRIZIONE ARTIFICIALE-scelta fra nutrizione enterale e parenterale
NUTRIZIONE ENTERALE-quando scegliere la sonda nasale per nutrizione enterale?
OSSITOCINASI SIERICA
PARATORMONE SIERICO (PTH)
pCO2 nel sangue
pH del sangue
PNEUMOTORACE IPERTESO-segni clinici
PNEUMOTORACE SPONTANEO
POTASSIO NEL SANGUE (potassiemia)
PROTEINE TOTALI SIERICHE
qSOFA score
Reticolociti nel sangue periferico
SANGUINAMENTO UTERINO ANOMALO-definizione
SCATOLA ADDOMINALE-concetto,componenti e le funzioni 
SCINTIGRAFIA TIROIDEA
SENSIBILITA’ DI UN TEST DIAGNOSTICO
SEPSI INTRA-ADDOMINALE
SEPSI INTRA-ADDOMINALE COMPLICATA GRAVE(SCIAS)-definizione
SEPSI-definizione di sepsi
SEPSI-lattato sierico nella sepsi
SINDROME CEREBELLARE ACUTA-segni clinici
SINDROME DA CARCINOIDE
SINDROME DA DEFECAZIONE OSTRUITA (ODS)
SINDROME DA RIVASCOLARIZZAZIONE (sindrome di Letac)
SINDROME DEL COMPASSO AORTO-MESENTERICO
SINDROME DEL LOBO MEDIO
SINDROME DELL’ANSA AFFERENTE
SINDROME DELL’ANSA CIECA
SINDROME DELL’ANSA ESCLUSA (Small Intestinal Bacterial Overgrowth)
SINDROME DELLO SCHIACCIANOCI
Sindrome di Barsony-Teschendorf
SINDROME DI BOERHAAVE
SINDROME DI GILBERT
SINDROME DI LEMMEL
SINDROME DI LERICHE
SINDROME DI LYNCH
SINDROME DI MALLORY-WEISS
SINDROME DI MIRIZZI
SINDROME DI OGILVIE
SINDROME DI OLGIVIE (PSEUDO-OSTRUZIONE DEL COLON)
SINDROME DI PEUTZ-JEGHERS
SINDROME DI POLIPOSI GIOVANILE
SINDROME DI TIETZE
SINDROME DI ZOLLINGER-ELLISON
SINDROME NEFROSICA-complicanze
SINDROME POST-COLECISTECTOMIA
SINDROMI POST GASTRECTOMIA
SINGHIOZZO INCOERCIBILE
SINTOMI CARDIOVASCOLARI
SINTOMI GASTROINTESTINALI
SINTOMI LEGATI A PROBLEMI LOCALIZZATI AL COLLO
SINTOMI LEGATI AI PROBLEMI DEL NASO
SINTOMI LEGATI AI PROBLEMI DELL’ORECCHIO
SINTOMI LEGATI AI PROBLEMI DELLA BOCCA E DELLA GOLA
SINTOMI OCULARI
SINTOMI PIU’ FREQUENTI CHE SI RISCONTRANO NELLA PRATICA CLINICA
SINTOMI RESPIRATORI
SINTOMI URINARI
SINTOMI-cosa devi valutare in un sintomo?
SINTOMI-rivelazione dei sintomi 
SISTEMA RENINA-ANGIOTENSINA-meccanismo fisiologico del sistema renina-angiotensina
SPECIFICITA’ DI UN TEST DIAGNOSTICO
SPLENOMEGALIA
SPLENOMEGALIA E IPERSPLENISMO
STENOSI ISCHEMICHE DEL COLON
STIPSI CRONICA
STIPSI INDOTTA DA OPPIOIDI (OIC)
STOMACO-parti dello stomaco
TERAPIA SOSTITUTIVA DEL FERRO ENDOVENOSO
TRAUMA DELL’ESOFAGO-sintomi
TRAUMA TORACICO CHIUSO-condizioni a immediato rischio per sopravvivenza
TRIANGOLO DI SCARPA (triangolo femorale)
ULCERA SOLITARIA DEL RETTO-tutto da sapere
VOLVOLO DELLO STOMACO

Titolo
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-da 0-9+lettere
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera A
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera B
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera C
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera D
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera E
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera F
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera G
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera H
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera I
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera J
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera K
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera L
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera M
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera N
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera O
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera P
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera R
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera S
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera T
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera U
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera V
ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI DEI TERMINI MEDICI IN INGLESE-lettera W
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-misure terapeutiche non farmacologiche
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-quando e come trattare un aneurisma dell’aorta addominale in stato cronico
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-test laboratorici
ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE(AAA)-trattamento dello stato acuto
APPENDICITE ACUTA-terapia antibiotica pre e post-operatoria
APPENDICITE ACUTA-trattamento chirurgico
APPENDICITE ACUTA-trattamento non operatorio
CANCRO ESOFAGEO-trattamento
CARCINOMA PAPILLARE DELLA TIROIDE
COLANGITE ACUTA-trattamento
COLECISTITE ACUTA-trattamento
COLICA BILIARE-trattamento
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Chi dovrebbe sottoporsi a un trattamento chirurgico e quali sono i tempi appropriati per l’intervento chirurgico nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-È consigliato esame del transito con contrasto nel caso di corpi estranei esofagee?
CORPI ESTRANEI ESOFAGEI (CEE)-Quando deve essere fatta la tomografia computerizzata (TAC) nel caso di corpi estranei esofagee?
DELIRIO IPERATTIVO-trattamento
DIVERTICOLITE ACUTA DEL COLON DESTRO-trattamento
DIVERTICOLITE ACUTA DEL COLON SINISTRO-trattamento
DIVERTICOLO DEL DUODENO-modalità del trattamento endoscopico
DIVERTICOLO DEL DUODENO-trattamento chirurgico
DIVERTICOLO DEL DUODENO-trattamento conservativo
DIVERTICOLO DEL DUODENO-trattamento conservativo
DIVERTICOLO DEL DUODENO-trattamento radiologico-interventistico
ECOGRAFIA TIROIDEA
EMATURIA TERMINALE-cause
EMATURIA TOTALE-cause
EMBRIOLOGIA DELLA GHIANDOLA TIROIDE
EMORROIDI-terapia medica
ERNIE-classificazione topografica delle ernie
ESAME OBIETTIVO DEL COLLO E DELLA TIROIDE
ESAME OBIETTIVO DEL TORACE, POLMONI E MAMMELLE
ESAME OBIETTIVO DELLA TESTA
FERITE-TIPI DI FERITE
FRATTURE COSTALI-tipi e meccanismi delle lesioni
FRATTURE COSTALI-tomografia computerizzata
FRATTURE COSTALI-trattamento ambulatoriale e follow up
FRATTURE COSTALI-trattamento chirurgico
FRATTURE COSTALI-trattamento dei pazienti con tre o più fratture costali
FRATTURE COSTALI-trattamento dei pazienti con una o due fratture costali
FRATTURE COSTALI-trattamento non farmacologico
Gli errori più comuni nella terapia antibiotica
INFEZIONI NECROTIZZANTI DEI TESSUTI MOLLI-trattamento
LESIONE TRAUMATICA DELL’AORTA TORACICA
LESIONI TRACHEOBRONCHIALI NEL TRAUMA TORACICO CHIUSO
LESIONI TRAUMATICHE DEL COLON
LESIONI TRAUMATICHE DEL RETTO
LESIONI TRAUMATICHE DELLA MILZA-classificazione delle lesioni spleniche (IOS/ASST)
LESIONI TRAUMATICHE DELLA MILZA-trattamento
MALATTIA DI CHAGAS (tripanosomiasi americana)
MALATTIA DI HIRSCHSPRUNG-trattamento
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON- qual è il trattamento dell’ascesso che si crea dopo la perforazione?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-come devono essere rivalutati i pazienti trattati con successo con la terapia medica?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-in cosa consiste un regime di trattamento ambulatoriale?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-qual è il trattamento nel caso di ostruzione?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quale antibiotico usare in un regime di trattamento ambulatoriale?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quali pazienti possono iniziare un regime di trattamento ambulatoriale?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-quali possono essere i dati della TC nella diagnosi?
MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON-trattamento ospedaliero
MALATTIA INFIAMMATORIA CRONICA INTESTINALE DIFFICILE DA TRATTARE
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE-trattamento
MALATTIE EPATOBILIARI-test epatici
OBESITA’-trattamento multidisciplinare
PERFORAZIONE DELL’INTESTINO TENUE-trattamento
PERFORAZIONE DELL’ESOFAGO ADDOMINALE-tecnica chirurgica
PERFORAZIONE DELL’ESOFAGO CERVICALE-tecnica chirurgica
PERFORAZIONE DELL’ESOFAGO TORACICO-tecnica chirurgica
PERFORAZIONE ESOFAGEA-indicazioni per il trattamento non chirurgico
PERFORAZIONE INTESTINALE POST-TRAUMATICA-trattamento
PERITONITE POSTOPERATORIA-trattamento
PERITONITE-definizione e tipi
PERITONITE-terapia
PIASTRINE (trombociti)
PIPERACILLINA/TAZOBACTAM
PNEUMOTORACE IPERTESO-trattamento
PORPORA TROMBOCITOPENICA IMMUNE
PT (tempo di protrombina)
RAGADE ANALE-trattamento conservativo
SCINTIGRAFIA TIROIDEA
SENSIBILITA’ DI UN TEST DIAGNOSTICO
Sindrome di Barsony-Teschendorf
SINDROME DI TIETZE
SPECIFICITA’ DI UN TEST DIAGNOSTICO
TEICOPLANINA
TERAPIA ANTIBIOTICA-Best practice per la prescrizione di antimicrobici
TERAPIA SOSTITUTIVA DEL FERRO ENDOVENOSO
THYROXINE BINDING GLOBULIN
TIGECICLINA
TIREOPATIE E FARMACI
TIREOTOSSICOSI e IPERTIROIDISMO
Tomografia computerizzata nel trauma addominale
TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA-indicazioni all’uso del mezzo di contrasto
TOSSOCARIASI
TRAUMA ADDOMINALE
TRAUMA ADDOMINALE CHIUSO
TRAUMA ADDOMINALE PENETRANTE
TRAUMA DEL TORACE-diagnostica strumentale e laboratoristica
TRAUMA DEL TORACE-introduzione
TRAUMA DELL’ESOFAGO-classificazione e cause del trauma
TRAUMA DELL’ESOFAGO-il ruolo dell’endoscopia diagnostica
TRAUMA DELL’ESOFAGO-il ruolo della chirurgia di controllo del danno
TRAUMA DELL’ESOFAGO-incidenza
TRAUMA DELL’ESOFAGO-indicazioni per un trattamento chirurgico immediato
TRAUMA DELL’ESOFAGO-iter diagnostico appropriato
TRAUMA DELL’ESOFAGO-le indicazioni per la gestione non operativa (NOM)
TRAUMA DELL’ESOFAGO-le procedure chirurgiche più appropriate
TRAUMA DELL’ESOFAGO-sintomi
TRAUMA TORACICO CHIUSO-condizioni a immediato rischio per sopravvivenza
TRAUMA TORACICO CHIUSO-decisione per intervento chirurgico
TRAUMA TORACICO CHIUSO-importanza del numero delle coste rotte
TRAUMA TORACICO CHIUSO-lesioni prodotti in ordine di incidenza
TRAUMA TORACICO CHIUSO-necessità di intervento chirurgico urgente
TRAUMA-risposta endocrinometabolica ed immunologica ai traumi (REMIT)
Triangolo di Petit
TRIANGOLO DI SCARPA (triangolo femorale)
TRIMETOPRIM-SULFAMETOXAZOLO
TROMBOSI VENOSA PROFONDA
TROMBOSI VENOSA PROFONDA DEGLI ARTI INFERIORI-diagnosi differenziale
TROPONINA-cause dell’aumento di valori della troponina
TUMORE DELLA MAMMELLA
TUMORI CHE METASTATIZZANO NEI LINFONODI INGUINALI
TUMORI DELLA PARETE TORACICA
TUMORI NEUROENDOCRINI DEL RETTO
TUMORI-classificazioni dei tumori basati su nominativi degli autori
ULCERA GASTRODUODENALE PERFORATA-trattamento

Titolo

Titolo

Hai qualche problema di salute?

Gli esperti ti risponderanno

Devi fare un Intervento Chirurgico?

Ti aiuteremo a preparare meglio il tuo iter preoperatorio ed avere informazioni più complete per l'intervento che devi fare.

Informazioni Legali

I testi, le informazioni e gli altri dati pubblicati in questo sito nonché i link ad altri siti presenti sul web hanno esclusivamente scopo informativo e non assumono alcun carattere di ufficialità.

Il proprietario del sito non assume alcuna responsabilità per eventuali errori od omissioni di qualsiasi tipo e per qualunque tipo di danno diretto, indiretto o accidentale derivante dalla lettura o dall'impiego delle informazioni pubblicate, o di qualsiasi forma di contenuto presente nel sito o per l'accesso o l'uso del materiale contenuto in altri siti.

È fortemente consigliato per eventuali problemi di salute di fare riferimento al proprio medico di fiducia.